Migranti / World News

Anziano francese aggredito per aver presumibilmente avvertito i giovani neri di indossare la loro maschera covid (video)

Anziano francese aggredito per aver presumibilmente avvertito i giovani neri di indossare la loro maschera covid (video)

Un giovane nero ha aggredito un anziano pendolare su un tram a Reims, nel nord della Francia, martedì dopo che l’uomo ha avvertito il giovane di indossare la sua maschera facciale, che era inizialmente piegata sul mento. Fonte: quotidiano locale L’Union .

Nel video, un giovane uomo può essere visto attaccare “un vecchio” seduto “in un autobus a Reims”. Quardando attentamente il video lo si potrebbe dimostrare anche prima che la polizia lo confermi. La fermata “Vesle” appare per un breve momento su un display luminoso e solo i tram di Reims corrono sulla linea rue de Vesle.

La data del video non è ancora nota, ma l’indagine aperta martedì dopo la sua massiccia diffusione sui social network ha portato all’arresto dell’immigrato, già noto alla polizia. Attualmente è in custodia, mentre l’anziano – che non ha presentato denuncia – è ancora ricercato per essere interrogato. Gli inquirenti hanno lanciato una appello per trovarlo. Chiedono che questa persona, o coloro che lo conoscono, contattino la polizia di Reims.

Il video di 40 secondi è costituito da diverse sequenze che sembrano essere fuori uso. Non mostra l’inizio dell’alterco. Secondo chi l’ha postato inizialmente, l’anziano con un bastone ha chiesto al giovane immigrato di indossare la maschera facciale, che era piegata sul mento. Nel video, il giovane cammina verso il pensionato che punta il bastone verso di lui. Lo afferra, schiaffeggia la vittima sulla fronte e lo spinge indietro.

Nella clip successiva, il giovane immigrato può essere visto in piedi al suo posto. Poi si precipita sull’uomo e incomincia a cercare di colpirlo con pugni senza riuscire a toccarlo grazie a un pendolare che interviene.

Informata di questo video dagli utenti di Internet, la polizia di Reims ha chiesto agli utenti di Internet di non condividerlo più, informando i cittadini sulla sua pagina Twitter che le prove video erano state prese in considerazione e l’indagine era in corso.

” È stata aperta una indagine sulla violenza commessa nei trasporti pubblici”, ha detto il procuratore di Reims Matthieu Bourrette. Queste scene di violenza rendono l’azione dell’aggressore un crimine, anche se la vittima non è stata ferita. La pena massima è di cinque anni di carcere.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento