Italia / Opinioni / Politica / World News

ATTENZIONE: I GLOBALISTI DICHIARANO GUERRA AI MEDICI CHE SI INTERROGANO SULLA VACCINAZIONE DI STATO E LE NARRAZIONI DEL CORONAVIRUS (video)

ATTENZIONE: I GLOBALISTI DICHIARANO GUERRA AI MEDICI CHE SI INTERROGANO SULLA VACCINAZIONE DI STATO E LE NARRAZIONI DEL CORONAVIRUS (video)

Un medico di famiglia italiano che ha messo in dubbio la gravità della “pandemia” di coronavirus cinese e l’efficacia del vaccino è stato punito con un taglio dello stipendio di un quinto per i prossimi cinque mesi.

La pena è stata inflitta all’ex ufficiale dell’Aeronautica Militare dal servizio sanitario locale di Torino nonostante le prove a sostegno affermino che è vero. Questo medico è uno dei tredici medici in Italia e uno dei tanti in tutto il mondo libero le cui carriere sono a rischioper aver messo in dubbio la narrazione di stato del coronavirus.

In un video su Internet dell’ottobre 2020, il Dott. Giuseppe Delicati ha sollevato seri dubbi sull’entità della pandemia, sull’affidabilità dei test del coronavirus e sui potenziali pericoli del vaccino antinfluenzale stagionale e del vaccino pneumococcico che ingrandisce gli effetti del virus, citando ciò che la procura di Ivrea ritiene fonti non credibili.

Dott. Giuseppe Delicati

Il medico ha affrontato la potenziale correlazione tra il vaccino antinfluenzale e/o il vaccino pneumococcico, con l’aumento del rischio di morte in caso di infezione da coronavirus.

Il Dott. Delicati spiega che i vaccini tradizionali utilizzano un virus indebolito o ucciso per dare al sistema immunitario qualcosa da cui imparare in caso di infezione da virus. Tuttavia, queste nuove iniezioni non sono affatto vaccini in alcun modo diversi dal metodo di somministrazione. Sono in realtà un’iniezione di mRNA che addestra le cellule a produrre componenti del coronavirus al fine di avvisare il sistema immunitario, una tecnica che viene utilizzata in un modo senza precedenti. Il medico avverte anche che possa “provocare terribili malattie autoimmuni”, una preoccupazione cui ha fatto eco il virologo di spicco Dr. Sucharit Bhakdi.

Secondo il medico, sono necessarie ulteriori ricerche sul fatto che il vaccino antinfluenzale e / o il vaccino pneumococcico aumentino la gravità del coronavirus. Inoltre, chiede che la vaccinazione contro l’mRNA sia sottoposta a più test prima di essere somministrato alla popolazione.

Video:

Persecuzione dei medici

Procedimenti disciplinari nei confronti di 13 medici, che lo Stato ritiene sminuire la gravità della “pandemia” di coronavirus, oppositori dei vaccini contro il coronavirus che alterano il gene sono stati avviati anche dall’Ordine medico di Roma. Il procedimento si è basato sulle dichiarazioni dei medici sui social media e sulla televisione.

Tra i medici che sono stati indagati ci sono sostenitori dell’idea che “è come l’influenza”, e hanno sollevato preoccupazioni sulla sicurezza del vaccino. Il capo dell’Ordine dei medici, Antonio Magi, ha detto che tali argomenti non saranno tollerati.

Uno dei medici, Mariano Amici di Ardea, ha detto di non essere contrario alle vaccinazioni, ma ha dubbi sul controverso vaccino Pfizer/BioNTech che ora viene somministrato in Italia. Afferma sul suo sito web di essere scioccato dai rischi per la salute associati a tali vaccini contro l’mRNA. Dubita che siano adatti a combattere malattie la cui mortalità è vicina allo 0,05%”, afferma il medico.

Dott. Mariano Amici

Recentemente, Mariano Amici ha detto che la nuova variante britannica del coronavirus “conferma quello che dico da mesi: il vaccino contro un virus che è cambiato tante volte ora rischia di essere inefficace e persino pericoloso”.

Il Dott. Amici avverte che i rischi del vaccino contro l’mRNA possono essere maggiori dei benefici, soprattutto perché non è stato sufficientemente testato.

Il neurologo Jan Bonte, che è stato licenziato dal suo datore di lavoro l’anno scorso dopo la critica alle misure dello Stato sul coronavirus, ha dichiarato su Twitter : “In ogni caso, i medici italiani non sono più autorizzati a esprimere i loro dubbi sui vaccini contro il coronavirus…..”

Proprio di recente negli Stati Uniti, il Dr. Steven LaTulippe, un ufficiale dell’Aeronautica in pensione e medico da più di 20 anni, ha perso la licenza medica dopo aver parlato di maschere facciali. In particolare, il medico ha detto che le maschere non fanno molto quando si tratta di fermare la diffusione del coronavirus. La licenza del Dr. LaTulippe è stata sospesa dopo che la commissione medica ha dichiarato che “rappresenta un grave pericolo per la salute e la sicurezza pubblica”. È stato istituito un fondo di difesa per questo medico, un eroe che ha prestato servizio nell’esercito per due decenni, per aiutare a finanziare la sua lotta legale per ripristinare la sua licenza medica.

Dott. Steven LaTulippe

I medici devono ricevere la vaccinazione

L’indagine sui professionisti medici in Europa arriva tra la crescente preoccupazione dei leader di sinistra dell’Unione europea che lo scetticismo dell’opinione pubblica sul vaccino contro il coronavirus possa minare la loro agenda. In molti paesi, tra cui Italia, Germania, Spagna, Paesi Bassi e Svezia, si ritiene che lo scetticismo dell’opinione pubblica sui vaccini contro il coronavirus sia estremamente elevato. I leader dell’UE sono ora in preda al panico e spingono per esercitare maggiori pressioni sui medici affinché si conformino ai loro risultati arbitrari e non scientifici.

Un’organizzazione medica in Italia, la Federazione italiana delle associazioni professionali mediche (FNOMCEO), chiede ora di rimuovere i medici che si rifiutano di essere vaccinati.

Il presidente della FNOMCEO, Filippo Anelli, ha riferito ai media che circa 100 medici non erano disposti a ricevere l’immunizzazione, aggiungendo che lo scetticismo sui vaccini era “incompatibile con la professione perché negava le prove scientifiche”.

Il socialista Pierpaolo Sileri, viceministro della Sanità italiano e professore di chirurgia, ha sbattuto i colleghi scettici sui vaccini. “Sono perplesso quando sento parlare di colleghi medici o infermieri riluttanti a prendere il vaccino”, ha detto. “Posso capirlo riguardo a un membro del pubblico che forse non ha la conoscenza e la comprensione scientifica … ma francamente, penso che quei medici e infermieri, se hanno ancora dubbi dopo aver visto tutto ciò che è successo, stanno sbagliando”.

Il viceministro teme che troppe persone possano scegliere di non vaccinarsi e si dovrà mettere in atto una sorta di programma di vaccinazione obbligatoria: “Se trascorriamo un anno, un anno e mezzo e ci rendiamo conto che una parte del Paese non ha avuto il vaccino – si dovrà pensare a una forma di obbligo “.

I governi di sinistra e i loro nominati medici credono di essere gli arbitri della verità e solo loro possono regolamentare quali medici saranno approvati dallo Stato. Se il governo si pronuncia sulla “verità”, come si critica mai il governo? Questo dovrebbe lanciare un allarme a tutti i cittadini.

La tirannia del coronavirus lanciata in Italia

La tirannia del coronavirus in Occidente è iniziata in Italia. La profonda alleanza tra il presidente cinese Xi Jinping e il primo ministro italiano Giuseppe Conte, ha imposto all’Italia l’iniziativa globalista cinese “Via della Seta della Salute”. Questa iniziativa ha aperto il Nord Italia ai voli diretti in entrata da Wuhan, ground zero del coronavirus.

Il presidente cinese Xi Jinping e il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte a Roma, Italia, 23 marzo 2019. (Xinhua/Lan Hongguang)

L’Italia è servita come rampa di lancio per i tirannici mandati sul coronavirus, come riconosciuto dal professor Neil Ferguson, il supervisore caduto in disgrazia dello studio dell’Imperial College le cui terribili previsioni hanno portato a blocchi globali.
In un’intervista pubblicata a Natale, Ferguson ha detto che è sorprendente che in un paese apparentemente libero come l’Italia si sia permesso di essere trattato con blocchi come quelli della Cina comunista.

“E ‘uno stato comunista di un partito. Non sono riusciti a farla franca con i [lock-down] in Europa, … e poi l’Italia l’ha fatto. E si sono resi conto che potevano”, ha detto.

I cittadini di tutto il mondo devono prestare grande attenzione alla persecuzione dei medici in Italia e altrove e combatterla.

Dissidenti silenzianti: la menzogna della “disinformazione”

Potenti gruppi di sinistra accusano le persone di “disinformazione” di distrarre i cittadini dalle loro ambizioni tiranniche.

La “Trusted News Initiative” (TNI) è una delle tante potenti organizzazioni dispiegate per mettere a tacere “coloro che si interrogano sulla necessità e la sicurezza del vaccino cinese contro il coronavirus”. Il TNI è un’operazione di sinistra composta da media internazionali e grandi aziende tecnologiche che sono state costrette a unirsi per mettere a tacere il dissenso alle loro narrazioni.

Un’organizzazione sovversiva legata al Clinton chiamata “Accountable Tech”, “ha inviato una lettera a Joe Biden facendogli pressione per usare le risorse del governo federale per sopprimere il dissenso sul vaccino”. La lettera Accountable Tech, datata 21 dicembre 2020, è stata firmata da numerose organizzazioni di sinistra.

Nessuna organizzazione o governo dovrebbe decidere ciò che è degno e ciò che è indegno di essere pubblicato. L’unico modo per contrastare la “disinformazione” è lasciare che le persone parlino liberamente, ricercare i fatti, quindi presentare una controargomentazione. Il mercato delle idee deciderà se le informazioni sono vere o false.

Per i leader di sinistra, la crisi del coronavirus offre un comodo pretesto per mettere a tacere i critici e consolidare il potere. Qualsiasi medico che si rifiuta di allinearsi verrà cancellato.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento