World News

ATTENZIONE: LA SPAGNA SOCIALISTA TIENE UN REGISTRO DI CHI RIFIUTA IL VACCINO – 27 PAESI HANNO GIÁ RICHIESTO L’ ELENCO DEI NOMI

ATTENZIONE: LA SPAGNA SOCIALISTA TIENE UN REGISTRO DI CHI RIFIUTA IL  VACCINO – 27 PAESI HANNO GIÁ RICHIESTO L’ ELENCO DEI NOMI

Domenica, la Spagna guidata dai socialisti ha iniziato a somministrare la controversa vaccinazione contro il coronavirus cinese, con un piano per vaccinare 2,3 milioni di persone nelle prossime 12 settimane. I nomi degli spagnoli che rifiutano il vaccino saranno documentati in un registro speciale. Il ministro della Salute del paese, Salvador Illa, ha dichiarato che le autorità condivideranno l’elenco con l’Unione europea e i suoi 27 Stati membri.

Il ministro della Salute ha annunciato che “la vaccinazione rimarrà volontaria” e che “la lista non sarà resa pubblica”. “L’unico modo per sconfiggere il virus è il vaccino”, ha detto Illa. “Lo fai non solo per te stesso, ma anche per solidarietà con gli altri.” Un altro scopo per raccogliere i nomi spagnoli sarà quello di “studiare le possibili ragioni della riluttanza in diversi gruppi di popolazione”, ha aggiunto.

Il ministro della Salute, sostiene a questo punto che “non ci sarà una lista pubblica” ma condividerà i nomi dei cittadini e le informazioni private con gli Stati membri dell’Unione europea. La migliore strategia per garantire il successo della campagna di vaccinazione contro il coronavirus “non è tanto sanzionaree o minacciare, ma convincere e persuadere”.

Alla domanda se i migranti illegali che inondano la nazione riceveranno l’accesso alla vaccinazione gratuitamente, il ministro della Salute ha risposto: “alle persone che arrivano nel nostro paese viene somministrato un PCR [test coronavirus] e non viene chiesto come ci sono arrivate. In questo senso “la Spagna non ha mai avuto un atteggiamento discriminatorio nei confronti di nessuno, al contrario”.

Il partito conservatore dei Paesi Bassi, Forum for Democracy (FVD), ritiene che la registrazione dei negazionisti dei vaccini che sarà condivisa con altri paesi europei, sia uno sviluppo terrificante. “Estremamente spaventoso e inaccettabile!” risponde sui social il fondatore Thierry Baudet. “L’FVD è l’unico partito che è fondamentalmente contro tutte queste assurde misure contro il corona.”

VACCINO PERICOLOSO

Uno spagnolo su tre non vuole ricevere la controversa vaccinazione Pfizer-BioNtech. L’importante virologo tedesco Dr. Sucharit Bhakdi ha avvertito il pubblico dei principali rischi dei vaccini. Questi rischi principali possono essere raggruppati nei seguenti quattro punti.

In primo luogo, il test per questi vaccini è stato condotto su individui giovani e sani con il sistema immunitario più forte. Non si sa come la popolazione anziana e coloro che hanno condizioni preesistenti risponderanno a questi vaccini.

Successivamente, queste vaccinazioni contro l’RNA messaggero (mRNA) che alterano il gene “possono causare reazioni allergiche molto gravi”. L’mRNA è descritto al CDC come “un nuovo tipo di vaccino per proteggere dalle malattie infettive”, e Bhakdi ha avvertito che questo tipo di vaccino è “ancora sconosciuto scientificamente e medicalmente”.

In terzo luogo, i vaccini possono contribuire a una reazione eccessiva avversa alle successive infezioni presenti in natura. Più specificamente, una volta iniettato nel corpo, il vaccino corre e si diffonde in tutto il corpo rischiando una reazione eccessiva corporea immediata o di una reazione allergica.

Infine, i vaccini portano con loro la possibilità di malattie autoimmuni che possono causare morte, teoricamente, e infertilità femminile.

UCCIDERE IL DISSENSO DEL VACCINO

C’è uno sforzo che si sta facendo su vasta scala senza precedenti per mettere a tacere coloro che mettono in discussione la dottrina dei vaccini in tutto il mondo. I partiti di sinistra affamati di potere e contrari al dibattito intendono usare l’aringa rossa della “disinformazione” per giustificare la discussione critica sul vaccino. Anche se può sembrare che vi sia poca spinta alle misure vaccinale intrusive come quella che si sta facendo in Spagna, è molto probabile che il dissenso venga messo a tacere prima che possa essere ampiamente condiviso.

Un’organizzazione chiamata “Accountable Tech”, descritta al New York Times come “un gruppo no profit che comprende ex dipendenti di Facebook, ex funzionari elettorali e membri della campagna di Hillary Clinton del 2016”, ha firmato una lettera a Joe Biden per fare pressione all’uso delle risorse del governo federale per sopprimere il dissenso sul vaccino.

La lettera Accountable Tech, datata 21 dicembre 2020, è stata firmata da numerose organizzazioni di sinistra.

La cosiddetta “Trusted News Initiative”, una coalizione di colossi mediatici guidata dalla BBC intende censurare “meme ampiamente condivisi che collegano falsità sui vaccini e alle libertà individuali” e / o contenuti che “… sminuiscono i rischi del coronavirus e suggeriscono che c’è un secondo motivo dietro lo sviluppo del vaccino.

Gli autoproclamati arbitri della verità includono le seguenti organizzazioni:

“AP, AFP; BBC, CBC/Radio-Canada, European Broadcasting Union (EBU), Facebook, Financial Times, First Draft, Google/YouTube, The Hindu, Microsoft, Reuters, Reuters Institute for the Study of Journalism, Twitter e The Washington Post.”

Tim Davie della BBC in un meme di Twitter assicura i cittadini che la Trusted News Initiative “garantirà che le legittime preoccupazioni sulle future vaccinazioni siano ascoltate mentre i dannosi miti della disinformazione verranno fermati sul nascere”.

La Spagna comincia a fomentare paura e odio contro coloro che non vogliono ricevere un controverso vaccino che altera i geni e cerca di dividere i cittadini. Questa strategia, progettata per annotare un particolare gruppo di persone, suggerendo che c’è qualcosa di sbagliato nel loro comportamento è stata utilizzata anche da Adolf Hitler e dai suoi alleati. Quando i leader socialisti usano il potere del loro governo per fomentare la paura di un gruppo di persone, dovremmo essere tutti preoccupati.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento