Islam / World News

Aumentano nelle cliniche di Berlino il numero di donne con mutilazioni genitali

Aumentano nelle cliniche di Berlino il numero di donne con mutilazioni genitali

L’importazione di un numero massiccio di migranti da regioni in cui prevalgono le culture primitive ha portato la pratica barbara delle mutilazioni genitali femminili in Germania.

In tutto il mondo circa 200 milioni di donne sono state vittime di questa pratica crudele.
Tra le altre pratiche spietate e disumane come la stiratura del seno, le mutilazioni genitali sono ampiamente praticate in Africa e in alcuni paesi del Medio Oriente.

Tra settembre 2018 e settembre 2019, il numero di donne trattate per le MGF è aumentato considerevolmente in Germania.
In questo periodo di tempo, la mutilazione genitale è stata identificata come le principali diagnosi in 176 casi, secondo le informazioni rilasciate dal Senato di Berlino su richiesta del gruppo parlamentare AfD.

Nel 2016 ci sono stati solo 12 casi di MGF e nel 2017 il numero è sceso a sei. Il Senato ritiene che il numero crescente sia dovuto alla migrazione da paesi africani e asiatici in cui le MGF sono ampiamente praticate- Fonte: Die Welt .

“A causa dell’immigrazione da aree in cui la pratica delle mutilazioni genitali è diffusa, si presume che vi sia una crescente necessità di consulenza, istruzione e cure mediche.”

Per affrontare il problema, sarà istituito un ufficio di coordinamento durante il periodo estivo per ampliare l’istruzione, i servizi di consulenza e l’assistenza medica per le donne che hanno sofferto di MGF.

Berlino vuole insegnanti ed educatori in contatto con le ragazze che rischiano di subire questa pratica per aumentare la consapevolezza dell’importanza dell’integrità fisica delle ragazze all’interno delle comunità di immigrati.

Si stima che circa 70.000 donne che sono state sottoposte a MGF attualmente vivono in Germania.
Inoltre, circa 17.700 ragazze, soprattutto nelle grandi città come Berlino, rischiano attualmente di subire la barbara procedura.
Quasi il doppio rispetto a tre anni fa.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento