Islam / Migranti

Austria: i guardiani musulmani della banda della “morale pubblica” minacciano di decapitare i bambini

Austria: i guardiani musulmani della banda della “morale pubblica” minacciano di decapitare i bambini

La famigerata Banda dei Guardiani della Morale Pubblica dei Ceceni devotamente musulmani non rischia di sottrarsi a brutali estorsioni. Ad esempio, un padre di due figli a Vienna è stato minacciato del taglio della testa dei suoi figli – la protezione della polizia per la famiglia e l’arresto di quattro “giovani” è stato il risultato!

La banda del Caucaso – composta per lo più di rifugiati di guerra riconosciuti o tollerati – aveva già fatto notizia più volte nella capitale federale e a Linz. Le mogli dei connazionali dovevano sempre indossare il velo. E se apparivano troppo “occidentali” o se i loro valori non corrispondevano (le foto in costumi da bagno o gli incontri con uomini non ceceni erano sufficienti), le vittime, ma anche le loro famiglie, erano gravemente minacciate e perseguitate.

I guardiani della morale pubblica tenevano “file” su centinaia di donne in registri di chat segreti. Percosse sono state registrate sui cellulari. Infine, la scorsa estate, gli investigatori hanno catturato più di dieci “giovani”immigrati coinvolti nella banda.

Ora, a quanto pare, il ricatto è stato aggiunto all’elenco dei crimini tra cui commercio di armi, privazione della libertà, gravi danni fisici, furto d’auto e furto con scasso. Quattro giovani ceceni di età compresa tra i 21 e i 25 anni, che fanno parte del grande gruppo, hanno terrorizzato un padre a Vienna tramite WhatsApp.

“Sappianmo dove trovarti, dove sei impiegato, dove vive la tua famiglia e dove i tuoi due figli vanno a scuola. Se non paghi 5.000 euro, taglieremo la testa ai tuoi figli”, diceva il triste messaggio ricevuto dal povero tedesco.

I ricattatori erano anche abbastanza sfacciati da fingere di essere protettori (“risolvere il problema”) per chiedere nuovo denaro. Mentre la famiglia minacciata era sotto protezione della polizia, la banda è stata arrestata dalla polizia.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento