Islam

Bambino di otto anni rischia la pena di morte in Pakistan dopo essere diventato il più giovane mai accusato di blasfemia

Bambino di otto anni rischia la pena di morte in Pakistan dopo essere diventato il più giovane mai accusato di blasfemia

Il bambino e la sua famiglia, che sono indù, sono ora tenuti in custodia protettiva dopo che una folla musulmana ha attaccato un tempio indù dopo che al bambino è stata concessa la cauzione

Il bambino, che non è stato nominato, è stato arrestato con l’accusa di aver urinato intenzionalmente su un tappeto di una madrassa che ospitava libri religiosi

La folla sostiene che ha commesso una bestemmia, un atto punibile con la condanna a morte

La folla ha attaccato il tempio indù di Bhong, nel Punjab, e ha bruciato la porta

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento