Islam / Migranti

“Bianchi sporchi”, “ebrei sporchi”, “vendono alcol e maiale, quei cani”: come i musulmani in Francia minacciano i proprietari di ristoranti

“Bianchi sporchi”, “ebrei sporchi”, “vendono alcol e maiale, quei cani”: come i musulmani in Francia minacciano i proprietari di ristoranti

Il primo incidente è avvenuto domenica 6 giugno.

Una coppia gestisce il ristorante Le Saint-Laurent sulle rive della Senna a Mantes-la-Jolie negli Yvelines. Anche se la loro attività è ricominciata di recente, dopo una chiusura di diversi mesi in relazione alla crisi sanitaria, la coppia ha dovuto fare i conti con un gruppo di clienti malintenzionati. Un messaggio è stato condiviso su Snapchat che li accusava di vendere “alcol e maiale” e definendoli “bianchi sporchi” e “ebrei sporchi”, riferisce actu.fr giovedì 10 giugno.

Il proprietario 68enne sarebbe stato vittima di bullismo da parte di uno di loro per una semplice osservazione: “Non potevo andare in terrazza. Ho chiesto educatamente loro di spostare il tavolo. Un uomo si è alzato e ha detto: “È così che accogliete i vostri clienti. Parliamo laggiù. Mi ha afferrato per la camicia e mi ha tirato da parte”, ha testimoniato il proprietario del ristorante.

Secondo lui, le altre persone a tavola hanno cercato di calmare la situazione. Ma altri hanno fatto il contrario … Tra loro, una “donna velata” che non ha esitato a chiamare una delle due figlie del proprietario del ristorante, di 24 e 31 anni, una “puttana”. Quest’ultima è stata “palpeggiata” dalla “donna velata”, come ha detto actu.fr. Ha presentato una denuncia contro sconosciuti per insulto, violenza intenzionale e molestie informatiche. Il gruppo ha lasciato il locale senza pagare e prima dell’arrivo della polizia. “Ci hanno detto che sarebbero tornati e avrebbero bruciato tutto.”

Ma le minacce sono appena iniziate per la famiglia dei ristoratori. Più tardi, domenica 6 giugno, sui social sono stati pubblicati commenti accesi contro l’establishment. “Si prega di condividere questo il più possibile. Ieri, una famiglia di nordafricani voleva passare un buon momento quando il direttore di questo ristorante li ha respinti e umiliato le donne velate definendole velata sporche, un mucchio di arabi sporchi, ecc.[…] Il tuo ristorante non ha la reputazione degli altri ristoranti. […] Il tuo ristorante non durerà a lungo”, ha scritto in un messaggio su Snapchat che actu.fr ha inoltrato. Ancora più inquietante è stato un commento antisemita nello stesso messaggio, oltre che un riferimento al fatto che il ristorante vende carne suina: “Vendono carne di maiale e alcol, questi cani (…) Questi bianchi sporchi, ebrei, grandi razzisti.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento