Islam / World News

Britannica convertita “Voleva diventare un attentatore suicida”

Britannica convertita “Voleva diventare un attentatore suicida”

“Voleva diventare un attentatore suicida. Il piano era di piazzare una bomba nel mezzo della Cattedrale di St Paul, poi piazzare un’altra bomba in un grande hotel di Londra prima che di farsi saltare in aria sul treno.

Da un articolo di Hans Rustad

Islamica britannica convertita condannata per la pianificazione di attentati dionamitardi

Michelle Ramsden ha avuto problemi di droga e un’infanzia senza radici in una famiglia affidataria. Nel 2007 si è trovata un nuovo gruppo con il quale ha sentito un senso di coesione: la femmina britannica si è convertita all’Islam. Ha cambiato il suo nome in Safiyya Shaikh e gradualmente è diventata sempre più estrema nel suo islamismo.

Voleva diventare un attentatrice suicida. Il piano era di piazzare una bomba nel mezzo della Cattedrale di St Paul, poi piazzarne un’altra in un grande hotel di Londra prima di farsi saltare in aria sul treno.

Safiyya Shaikh è stata condannato a 14 anni di carcere dopo che i suoi piani sono stati scoperti da un poliziotto sotto copertura.

L’attacco terroristico doveva avvenire a Pasqua, quando ci sarebbero stati più visitatori nella cattedrale

Il complotto terroristico, scoperto in Gran Bretagna, ha rivelato anche legami in Norvegia: un uomo con genitori somali di Skien.

Il somalo è accusato in Norvegia di aver complottato per fare esplodere la Cattedrale di San Paolo a Londra con Safiyya Shaikh.

L’uomo, che è stato definito “cittadino norvegese” e “da Telemark” e “da est”, è stato arrestato a settembre 2019 e incarcerato il giorno successivo.

Il suo avvocato Brynjar Meling ha detto :
“Si considera un credente coranico e musulmano devoto. L’obiettivo è quello di essere un buon musulmano”.

Il “cittadino norvegese” è accusato di appartenere ad un’associazione terroristica che prevede la pianificazione o la preparazione di un atto terroristico.
Le accuse sono state successivamente estese per includere la partecipazione all’organizzazione terroristica dello Stato islamico (IS) e per aver distrutto le prove in un caso di terrorismo in Danimarca. Fonte: Nettavisen.

A Safiyya Shaikh sono state dato diverse possibilità dal poliziotto che ha lavorato “sotto copertura”, per ritirarsi, le ha detto: ‘se non vuoi fare la jihad allora sei ok’. Ma lei ha insistito:

“No fratello, voglio così tanto. Ucciderò un sacco di gente. Preferirei far saltare in aria le chiese, un luogo storico. Mettere bombe con detonatore e sparare e anche essere uccisa – questo è quello che ho sempre voluto. Ad esempio, un giorno come Natale o Pasqua è buono, per uccidere di più. Mando sempre minacce. Ma voglio rendere reali le mie minacce. »

Safiyya Shaikh dice di essere stata ispirata dai bombardamenti della chiesa nello Sri Lanka di Pasqua 2019 in cui 253 persone sono state uccise e oltre 500 sono rimaste ferite in attacchi terroristici.

Safiyya Shaikh mostra il dito nel 2015

Qui sta arrivando con due borse per incontrare un poliziotto che finge di essere un altro terrorista. Dovrebbe avere le borse piene di esplosivo.

Safiyya Shaikh ha indossato un burqa nero e si è recata alla Cattedrale di San Paolo. Lì ha scattato una foto del tetto e ha inviato la foto con un messaggio al poliziotto che era sotto copertura.

Safiyya Shaikh è stata ben aiutata per diventare estremista.
Le prove della corte dimostrano che ha avuto contatti con membri di Al Muhajiroun, la rete estremista britannica guidata dall’islamista Anjem Choudary.
L’islamista Abu Waleed, che in realtà è chiamato Shahid Janjua, ha avuto una grande influenza. Ha mandato il suo materiale estremista. Anjem Choudary ha una grande rete in Europa, e anche in Norvegia.

Abu Waleed

Safiyya Shaikh non ha rimorsi da mostrare.

Sky News riferisce che indossava un hijab nero e ha mostrato il dito IS mentre veniva portata in cella per scontare una condanna a 14 anni.

Mentre veniva portata nella sua cella indossando un hijab nero, sorrise e alzò il dito in un saluto solitamente associato all’ISIS.

La polizia non aveva dubbi Safiyya Shaikh avrebbe compiuto il suo dovere do terrorista.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento