Islam / Migranti / Politica

Bruxelles: Autobus deviati da quartiere migranti per le minaccie di violenza

Bruxelles: Autobus deviati da quartiere migranti per le minaccie di violenza

La compagnia di trasporti di Bruxelles MIVB cambierà rotta a Molenbeek, un quartiere noto per la sua pesante popolazione di migranti, dopo che gli autobus sono stati più volte colpiti da pietre.

Secondo gli uffici della STIB, la sicurezza dei suoi conducenti non potrebbe più essere garantita, il che giustifica logicamente la decisione, riferisce il portale di notizie belga in lingua francese La Dernière Heure (DH), con sede a Bruxelles.

Avviso ai pendolari a una fermata dell’autobus di Bruxelles.

Il cambio di rotta riguarda la linea 89 dell’STIB, che attraversa il centro di Molenbeek a Bruxelles. Nelle ultime settimane gli autisti di autobus sono stati vittime di violenze numerose volte. Ecco perché STIB ha deciso di deviare gli autobus e di non servire più una serie di fermate a Molenbeek, con il cambiamento che ha interessato quattro fermate tra Delacroix e Ribaucourt.

“Diversi incidenti si sono verificati nel centro della città”, ha detto il portavoce dell’STIB Cindy Arents al DH. “Ci sono tensioni in questo quartiere e, inoltre, molte auto parcheggiano regolarmente alle fermate degli autobus, in modo che gli autobus non possano passare.” La sicurezza del personale STIB non poteva più essere garantita, la costante minaccia, ha costretto lasocietà ad adottare questa misura.

Molenbeek, uno dei 19 comuni della capitale belga, ha circa 97.000 abitanti, di cui quasi il 40% sono musulmani marocchini belgi, anche la disoccupazione giovanile nel distretto è del 40%. Molenbeek ha guadagnato fama internazionale nel 2015 come base per i terroristi islamici che hanno perpetrato attacchi in Francia e Belgio. Poi il sindaco di Molenbeek, e la politica liberale di Françoise Schepmans, lo ha descritto come “un terreno fertile per la violenza”.

Recentemente, i dati diffusi dal governo belga hanno dimostrato che i belgi etnici sono diventati una minoranza nella capitale Bruxelles, il che indica un rapido cambiamento demografico nella città “multiculturale”.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento