Islam / Migranti

Caccia della polizia greca ad un migrante ‘stupratore con catena’ dopo attacco a 54enne

Caccia della polizia greca ad un migrante ‘stupratore con catena’ dopo attacco a 54enne

Questa settimana la polizia greca ad Atene ha intrapreso una caccia all’uomo per catturare un migrante che ha tentato di violentare una donna del posto mentre le avvolgeva una catena intorno al collo.

La caccia all’uomo è iniziata dopo che il migrante, pakistano, si è avvicinato a una donna di 54 anni locale nella zona di Kaminia, nella capitale greca, e ha preso una catena e l’ha avvolta intorno al collo della vittima mentre tentava di violentarla.

La polizia locale afferma che stanno attivamente cercando il migrante pakistano, e dice che il caso è estremamente grave e che vogliono impedire al migrante di tentare di violentare un’altra donna. Fonte: Proto Thema.

Secondo il giornale, la donna si trovava all’interno di un bar che stava ripulendo dopo la chiusura e il migrante, che all’epoca indossava una felpa con cappuccio scura, le è saltata addosso e le ha avvolto la catena al collo.

Mentre l’aggressore migrante tentava di rimuovere i vestiti della donna, la catena si è allentata abbastanza da permettere alla 54enne di afferrare un oggetto vicino e colpire l’aggressore alla testa. La donna è poi uscita in strada per chiedere aiuto mentre il migrante fuggiva dalla scena.

Il caso viene alla luce mentre la polizia ha arrestato un altro migrante pakistano che ha ucciso un uomo di 29 anni in un appartamento di Kaminia e picchiato brutalmente altre due persone.

Il migrante pakistano arrestato è stato anche il capo di una banda criminale che traffica sigarette di contrabbando e droga per le strade di Atene. La polizia è ancora a caccia di un altro migrante pakistano in relazione all’omicidio.

Nelle ultime settimane la Grecia ha assistito a una serie di casi penali di alto profilo che hanno coinvolto i migranti, tra cui l’arresto di un siriano in un campo di migranti ad Atene che ha preso parte ad atrocità mentre faceva parte del gruppo terroristico dello Stato islamico.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento