Islam

CAIR ammette ufficialmente che le donne non hanno eguali diritti secondo la legge della Sharia

CAIR ammette ufficialmente che le donne non hanno eguali diritti secondo la legge della Sharia

Il regista indipendente Michael Hansen ha rilasciato un nuovo documentario intitolato Killing Free Speech. Presenta un’intervista esclusiva con un funzionario del Consiglio sulle relazioni islamo-americane (CAIR), che risponde alle domande sullo status delle donne nell’Islam.

Nella clip, che inizia alle 4:00 minuti del documentario, si dice che il direttore esecutivo del CAIR New Jersey, James Sues, sia una testimonianza del Corano.

Nelle sue risposte, Sues visibilmente lotta per conciliare le proprie convinzioni, mentre respinge il suggerimento che l’insegnamento islamico dovrebbe essere demolito o aggiornato per rispettare le norme moderne sulla parità di diritti per uomini e donne.

È l’ultima parola di Dio. È la rivelazione finale “dice Sues. “Il Corano non può essere cambiato.

In risposta alle domande di Hansen sullo status delle donne, Sues afferma “Penso che la testimonianza di una donna sia valida …”

La testimonianza di un uomo dovrebbe essere valida quanto quella di un uomo.

Ma ha continuato dicendo che la sua opinione non ha importanza perché è inferiore ai dettami della legge islamica. “Dio è sopra di me – ho un’opinione inferiore“, conclude Sues.

Killing Free Speech è il secondo documentario pubblicato da Hansen, il primo dei quali è Killing Europe, un servizio sulla migrazione di massa dai paesi musulmani verso l’Europa. Una proiezione programmata di Killing Europe è stata cancellata dalla Biblioteca pubblica di Ottawa lo scorso anno a seguito delle pressioni di attivisti di sinistra.

Killing Free Speech: Parte 1 descrive l’aumento della violenza di strada da parte del movimento estremista “Antifa” negli Stati Uniti, così come le campagne di pressione e disapprovazione.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento