World News

Cani avvelenati in Libano: possono infettare gli esseri umani

Cani avvelenati in Libano: possono infettare gli esseri umani

I Cani vengono avvelenati in Libano a causa di false affermazioni che dicono che gli animali domestici possono infettare gli esseri umani con il coronavirus. Le riprese condivise ampiamente sui social media mostrano un cane, in preda alle convulsioni, mentre muore in uno studio veterinario…

Sevine Fakhoury, del gruppo per i diritti degli animali di Beirut BETA, ha parlato dell’orrore nel vedere i filmati dei due cani per le strade di Mhaydseh con la spuma alla bocca.

“Il video del cane è stato un vero shock”. Ho subito pensato al numero di abbandoni degli animali domestici e alla quantità di lavoro che avremmo affrontato in futuro dopo la stesura del rapporto MTV.

“Qualcosa per cui non siamo preparati è l’aumento dei numeri di abbandono. Gli animali abbandonati non hanno nessuna possibilità per le strade in quanto non sono abituati a difendersi da soli.”

Ci sono 463 casi confermati di persone infettate da COVID-19 in Libano, mentre 12 sono morte nel paese.

Gli attivisti per i diritti degli animali hanno sostenuto che nel mese di febbraio, i funzionari in Cina hanno sequestrato gli animali domestici famiglia per famiglia e li hanno uccisi per fermare la diffusione del coronavirus.
Gli ufficiali comunitari della provincia sud-occidentale del Sichuan, in Cina, ganno bussato alle porte dei cittadini e hanno ordinato loro di rinunciare ai loro animali prima di macellarli.

Animal Aid Group mostra una serie di cani insanguinati, presumibilmente morti, sdraiati nella parte posteriore di un camion.

Un altro rapporto all’inizio di questo mese ha affermato che centinaia di cani e gatti abbandonati nella città di Wuhan sono stati giustiziati spietatamente dalle autorità cinesi.

Molti degli animali affamati sono stati lasciati soli in case e appartamenti quando i loro proprietari in preda al panico sono fuggiti frettolosamente dalla comunità colpita da virus.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento