Italia

POLIZIA CONTRO GOVERNO: “TERRORISTI SUI BARCONI, INCENDIANO CENTRI ACCOGLIENZA PER FUGGIRE”

“La situazione è sempre la stessa”, accusa il segretario generale del Sap Stefano Paoloni che prosegue: “Sia l’hotspot di Lampedusa che tutti gli altri centri di accoglienza presenti sul territorio siciliano, sono al limite della loro capienza se non addirittura oltre. Questo fa sì che le persone che vi si trovano all’interno per trascorrervi la quarantena, vivono momenti di grande insofferenza. Proprio per questo motivo i loro tentativi di creare disordini per proseguire poi con la fuga, sono all’ordine del giorno”. Una regia militare, come rivela l’episodio delle fiamme appiccate all’hotpsot di Pozzallo gli scorsi giorni, un chiaro esempio di come la situazione stia divenendo sempre più grave. “Per loro- spiega Paoloni- creare disordini, diventa occasione di fuga. Tra l’altro si tratta d...

IMMIGRATI MOLESTANO LE RAGAZZE, POLIZIOTTO: “CI VERGOGNIAMO MA NON POSSIAMO FERMARLI” (video)

Le città italiane sono preda dei clandestini sempre più arroganti perché impuniti. Perché, come raccontava un poliziotto in questo video, “non possiamo fermarli”: E continuano a farne sbarcare altri. Pensando di potere aggiungere altri posti negli hotel che già, oggi, ne ospitano quasi centomila. Gente che poi finisce per strada a rubare, spacciare e stuprare. O a fare a pezzi le ragazzine. Ma attenti a parlarne troppo, perché stanno già pensando di dare ai clandestini uno stipendio pagato coi soldi delle nostre tasse.

TERRORISTI DEI CENTRI SOCIALI DISTRUGGONO GAZEBO LEGA (video)

Cagliari, terroristi dei centri sociali devastano gazebo Lega. https://t.co/kJWQdnGGHv pic.twitter.com/o42qMXAUi7 — RadioSavana (@RadioSavana) July 20, 2021 L’episodio è avvenuto attorno alle 20. Poco prima lo stesso gazebo era stato visitato dal viceministro dei Trasporti Morelli, esponente del partito di Salvini, in visita nel capoluogo. Da quanto si apprende, il gruppo di aggressori ha preso a calci sedie e tavolini, per poi dileguarsi. Dopo l’allarme, sul posto sono intervenuti gli agenti della squadra volante della Polizia, quelli della Digos e i carabinieri della Compagnia di Cagliari. Al vaglio delle forze dell’ordine, che cercano di rintracciare i responsabili, ci sono ora filmati delle telecamere e testimonianze dei presenti al fatto. Duro il commento all’episodio di Eugenio...

IL TRAFFICANTE HA INCASSATO 300MILA EURO A SETTIMANA: RINGRAZIA PD E ONG

Il re del traffico dei clandestini è un immigrato etiope, Ermias Ghermay. Otto anni fa è sbarcato in Sicilia come clandestino e ha fatto richiesta d’asilo. Inviato nel lussuoso centro d’accoglienza di Mineo, poi chiuso da Salvini, è diventato il leader nel traffico di essere umani dalla Libia. La sua base operativa è in Libia ma conta appoggi in tutta Europa e anche in Italia, gli investigatori hanno stimato che il suo giro d’affari si aggirava, e probabilmente ancora oggi si aggira, intorno ai 300mila euro a settimana. Grazie alle ong e al Pd. Poi è arrivato Salvini l’anno scorso, dalla Libia, non arrivava quasi più nessuno: poco più di 900 nei primi 7 mesi del 2019. Se pensate che quest’anno siamo invece a quasi 10mila sbarchi dei quali oltre la metà dalla Libia, avrete ben chiaro per qu...

MIGRANTE SBEFFEGGIA ITALIANI: “PRENDO 1.042 EURO DI REDDITO DI CITTADINANZA E LAVORO IN NERO”

Il ‘reddito di cittadinanza’ non si tocca ha detto Conte. Il marocchino si vantava di percepire il reddito di cittadinanza e lavorare ‘in nero’ come commerciante ambulante. Il 57enne, residente nel modenese, aveva ottenuto il reddito di cittadinanza perché si era dichiarato disoccupato e con tre figli da mantenere, ma in realtà effettuava abusivamente l’attività di commerciante ambulante di capi di abbigliamento. L’uomo in passato aveva avuto una partita IVA e una licenza per il commercio ambulante, entrambe poi chiuse nel corso del tempo. E non appena entrato in vigore l’istituto del reddito di cittadinanza, quale disoccupato con prole, aveva ottenuto il sussidio per una somma mensile di 1.042 euro, rilasciato dall’INPS di Modena. In giro si ‘vantava’ di percepire il reddito di cittadinan...

BOOM DI CONTAGI IN LIBIA: ONDATA DI INFETTI VERSO L’ITALIA

Continua la diffusione del coronavirus e le varianti in Africa e nei paesi arabi dove si registrano numeri alti di contagiati e si scoprono nuove varanti legate ai vari paesi dove il coronavirus si è ambientato al clima del paese e alla sua popolazione con nuove mutazioni specifiche nelle stesse varianti più conosciute, come è successo in Algeria con la variante algerina oltre che in numerosi paesi africani , in Tunisia e in Libia. Proprio in Libia, ieri si è registrato un numero record di contagiati 4061 e 28 morti con una percentuale di 44 contagi su ogni 100 mila persone ;il tutto è stato diagnosticato su 22 laboratori distribuiti sul territorio libico. Ad oggi sono stati vaccinati 450 mila persone. “Siamo molto preoccupati per la situazione in Libia come ci informano i nostri medici e ...

SARDINE E TOGHE ROSSE COMPRANO UNA NAVE PER TRAGHETTARE CLANDESTINI IN ITALIA

La flotta di navi umanitarie si è appena ampliata con l’arrivo della Resq People, un’imbarcazione di 39 metri già conosciuta dalle parti della Libia. A metterla in mare è l’Ong Resq-People Saving People, l’organizzazione di cui è presidente onorario l’ex magistrato milanese Gherardo Colombo. Tecnicamente non si tratta di una “nuova” nave, nel senso che lo scafo ha già solcato il Mediterraneo sotto le insegne della tedesca Sea Eye ed era chiamata, a suo tempo, Alan Kurdi. Ricordate? Quel nome, oltre ad essere legato alla tragedia del naufragio in cui perse la vita il piccolo bambino trovato riverso sulla spiaggia, è famoso anche per l’inchiesta che colpì l’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini. Era il 3 aprile del 2019 e l’Ong soccorse al largo della Libia 64 migranti da un gommone al...

AUMENTA LA PAURA DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA: “STUPRANO E SONO TROPPO DIVERSI

Lo rivela una ricerca secondo cui sono i pakistani gli stranieri dei quali, del tutto razionalmente, si ha più paura in Italia, seguiti dagli arabi, in particolar modo i nordafricani: marocchini, tunisini ed egiziani. Sono, del resto, le etnie in testa alle classifiche dei crimini degli immigrati. È questo il risultato di uno studio effettuato su un campione di 650 uomini e donne italiani tra i 18 e 55 anni. Un dato interessante. Dopo le vicende della giovane Saman Abbas, pakistana, scomparsa dopo aver rifiutato un matrimonio forzato, sembra quindi essersi svegliato da parte dei nostri connazionali un certo senso di xenofobia nei confronti dei pakistani che vivono nel nostro Paese. Etnia responsabile di migliaia di stupri etnici nel Regno Unito. E quali sono le principali cause di questa p...

MIGLIAIA DI CLANDESTINI INFETTI SI RIVERSANO IN ITALIA. LA SLOVENIA: “LASCIAMO ANDARE I CLANDESTINI IN ITALIA”

“Quando mi hanno fermato in Italia mi hanno portato in Questura e mi hanno preso le impronte digitali. In Slovenia non l’hanno fatto”. A parlare così è un clandestino pakistano giunto a Trieste dopo aver attraversato l’Asia prima e la rotta balcanica poi, durante un’intervista televisiva andata in onda mesi fa. E il flusso di clandestini lungo la rotta balcanica verso l’Italia non si ferma. Anzi, sono ad oggi già circa cinquemila quelli intercettati una volta entrati in Italia. Esclusi, quindi, tutti quelli che sono passati indisturbati. E tutto questo, nonostante sia noto che la rotta è una delle più pericolose catene di ingresso della variante delta in Europa. Moltissimi sono infatti pakistani, bengalesi e afghani, e lì la variante indiana dilaga. A confermare questa prassi è stato anche...

IMMIGRATI IN RIVOLTA BRUCIANO CENRO ACCOGLIENZA E FUGGONO (video)

I clandestini hanno appiccato il fuoco ad un cumulo di materassi per protesta all’interno del centro. Ingenti i danni causati alla struttura mentre alcuni migranti – una trentina secondo le prime stime – si sono dati alla fuga. Rivolta al centro accoglienza di Pozzallo, struttura in fiamme. Incendio deliberatamente appiccato da branco di clandestini africani per protesta. Ci hanno portato la guerra in casa. Degrado assoluto, povera Italia. https://t.co/kJWQdnGGHv pic.twitter.com/4dEGPEWGXy — RadioSavana (@RadioSavana) July 18, 2021 Un ‘accorato appello’ da coloro che parlano sempre di accogliere: “I tunisini andrebbero semplicemente riportati indietro senza mettere piede sul sacro suolo italiano. Se insistono, si affondino i barconi: con invasori che vengono a delinquere non si...

POLIZIOTTA AGGREDITA DA IMMIGRATO A COLPI DI SPRANGA

Nuova aggressione da parte di un migrante a un appartenente alle Forze di polizia. La protesta del sindacato, i poliziotti non sono tutelati e i migranti fanno quello che vogliono. «Abbiamo aspettato troppo, non possiamo rischiare di farci scappare il morto, considerate le sempre più frequenti aggressioni ai danni di uomini e donne in divisa. Solidarietà alla collega delle volanti di Bolzano, brutalmente aggredita da un extracomunitario a colpi di spranga». Lo dichiara Fabio Conestà, Segretario Generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap), commentando l’aggressione avvenuta ieri a Bolzano ai danni di una poliziotta, colpita con una spranga in ferro da un eritreo che le ha procurato una profonda ferita all’avambraccio. Abbiamo assistito a proclami, di recente la gara per la ...

RAGAZZE ITALIANE AGGREDITE DA IMMIGRATI: A BOLZANO ARRIVANO LE RONDE

“Dopo l’ennesimo episodio di violenza avvenuto mercoledì ai danni di una ragazza che è stata aggredita e rapinata da uno straniero a Don Bosco, ieri e nelle prossime sere saremo presenti nelle strade di questo ed altri quartieri per delle ‘passeggiate serali’. Nessuno deve avere paura di tornare a casa la sera, Bolzano deve tornare ad essere la città sicura che era un tempo”. Lo dichiarano i ragazzi di CasaPound Bolzano attraverso la pagina Facebook “Riprendiamoci Bolzano“. Per porre fine al degrado e alla delinquenza sempre più diffusa in città, le passeggiate per una maggiore sicurezza di chi rischia ulteriori aggressioni vogliono essere ‘un segno responsabile e solidale di civiltà, per fare sì che episodi simili a quello accaduto in via Bari appena due sere fa non si debba ripetere‘.