Opinioni

I cristiani che bevono acqua “musulmana” vengono massacrati,

La visione del mondo islamico – anche riguardo a cose come la malattia (ad es. Coronavirus) – è fondamentalmente basata su una dicotomia: qualsiasi cosa non islamica è malvagia, sporca, da evitare, odiare e lottare (“jihad”); qualsiasi cosa islamica è buona, pulita, da abbracciare, amare e lottare per difenderla. Un giovane cristiano ha recentemente scoperto questo nel modo più duro. Saleem Masih, 22 anni, è stato torturato e ucciso per aver usato l’acqua dal pozzo del suo datore di lavoro musulmano in Pakistan. Indignato, il musulmano lo ha accusato di essere un “sudicio cristiano” che “aveva inquinato l’acqua”. Numerosi musulmani ugualmente indignati si sono radunati e “hanno giurato di dargli una lezione”, “lo...

20 citazioni sul coronavirus che mostrano come i confini aperti e la correttezza politica sono venuti prima della salute pubblica

La crisi del coronavirus, che ha ucciso oltre 22.000 persone e praticamente distrutto l’economia globale, ha visto i leader del governo, i giornalisti e i funzionari della salute fare del loro meglio per promuovere le frontiere aperte nonostante la minaccia per globale. La domanda ora è: perché l’Europa e il resto del mondo hanno aspettato così tanto tempo per chiudere i loro confini, soprattutto per i paesi duramente colpiti come la Cina. La risposta potrebbe avere molto a che fare con le prossime 20 citazioni. Emmanuel Macron: chiudere i confini con l’Italia è una decisione sbagliata Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato il 10 marzo che la Slovenia e l’Austria hanno preso “decisioni sbagliate” limitando i viaggi da e per l’Italia, c...

Il coronavirus era già presente in Italia in autunno?

I ricercatori italiani stanno studiando il numero elevato rispetto al solito di casi di polmonite grave e influenza in Lombardia negli ultimi tre mesi del 2019, perché sospettano che il virus COVID-19 si sia diffuso prima di quanto si pensi. Adriano Decarli, epidemiologo italiano e professore di statistica medica presso l’Università degli Studi di Milano, ha affermato che il numero di pazienti ospedalizzati con influenza e polmonite nell’area di Milano e Lodi è aumentato significativamente tra ottobre e dicembre dello scorso anno. Decarli sta studiando i registri ospedalieri e sta esaminando i dettagli clinici di questi casi per cercare di concludere se il coronavirus si era già diffuso in Italia prima di quanto si pensasse. “Vogliamo sapere se il virus era già qui in Ita...

I paesi del gruppo Visegrád hanno adottato misure contenitive per il coronavirus prima dell’Europa occidentale

I paesi del Gruppo Visegrád, o V4, – la Repubblica Ceca, l’Ungheria, la Polonia e la Slovacchia – hanno preso contromisure per il coronavirus (COVID-19) molto prima rispetto ai paesi dell’Europa occidentale, il che spiega perché il numero degli infetti sono meno gravi. Il coronavirus non è apparso in nessuno dei paesi V4 fino a marzo, ma quando lo ha fatto, hanno preso provvedimenti immediati per contrastare la sua diffusione. Al contrario, Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito hanno ritardato l’adozione di misure drastiche, come la chiusura di scuole, imprese e frontiere, fino a quando l’epidemia non aveva già raggiunto uno stadio avanzato. Fonte: The Visegrád Post. La Francia ha chiuso le sue scuole il 16 marzo, quando aveva già oltre 5.000 c...

Come l’evento della moschea ha diffuso il virus nell’Asia meridionale

Delle 673 infezioni confermate della Malesia, quasi i due terzi sono collegati all’evento di quattro giorni fuori Kuala Lumpur. I fedeli dormivano in tende piene fuori dalla moschea dalle cupole dorate, svegliandosi prima dell’alba per inginocchiarsi su file di tappeti da preghiera disposti nella sua cavernosa sala centrale. Ma sconosciuto agli ospiti, anche il coronavirus stava passando tra di loro. L’incontro musulmano tenuto alla fine del mese scorso in un complesso della moschea tentacolare alla periferia della capitale della Malesia, Kuala Lumpur, è emerso come fonte di centinaia di nuove infezioni da coronavirus che attraversano il sud-est asiatico. L’agenzia di stampa Reuters ha parlato con sei partecipanti e ha esaminato le foto e i post sui social media e g...

Il coronavirus e la crisi migratoria sono la tempesta perfetta dell’Europa?

La situazione esplosiva sull’isola greca di Lesbo mostra come una miscela di errori dell’UE e la spietatezza di Erdoğan in Turchia stia creando l’ultima crisi umanitaria Il coronavirus è arrivato sull’isola di Lesbo, non lontano dal campo di Moira, dove 20.000 migranti vivono in terribili condizioni sanitarie. Le condizioni spaventose nel campo di Moira rendono molto probabile la diffusione del virus. Qualsiasi epidemia in quel campo sarebbe disastrosa, e dal momento che nessun migrante viene testato per la presenza del coronavirus, non sappiamo se abbia già raggiunto il campo stesso. Dall’apertura del confine turco questo mese da parte del presidente Recep Tayyip Erdoğan, altri 1.700 migranti hanno raggiunto il campo. Medici San Frontier (MSF) e altre ONG, ch...

“Va tutto bene”: i medici italiani dicono ai pazienti affetti dal virus

pubblicato su: Daily Prothom Alo La lotta contro la morte si interrompe ogni giorno alle 13:00. Alle 13:00, i medici del reparto di terapia intensiva del Policlinico San Donato telefonano ai parenti dei 25 pazienti affetti da coronavirus in condizioni critiche dell’unità, per aggiornare le famiglie. L’ora di pranzo era per le ore di visita in questo ospedale di Milano. Ma ora, mentre il paese è alle prese con un focolaio di coronavirus che ha ucciso più di 2.000 persone, nessun visitatore può entrare. E nessuno in Italia lascia più la propria casa. Quando i dottori chiamano, cercano di non dare false speranze: sanno che uno su due pazienti in terapia intensiva con la malattia causata dal virus rischia di morire. Gli operatori medici in tute protettive spingono una barella di is...

Il Primo Ministro Orbán aveva ragione sulla migrazione e merita delle scuse

Fonte: Die Presse Il primo ministro ungherese Viktor Orbán aveva ragione quando aveva messo in guardia sulla crisi migratoria nel 2015 e sul modo sbagliato con cui veniva gestita, aveva ragione anche sulla costruzione di recinzioni e sul rifiuto della migrazione, Tuttto questo è ora visto come la scelta giusta da fare a posteriori da altre potenze europee. Fonte: Christian Ortner di Die Presse. “Se l’Unione europea avesse gestito nel 2015 [la crisi migratoria] come fa adesso la Grecia, avrebbe risparmiato all’Europa l’ascesa del nazionalismo estremo, dozzine di attacchi islamisti e una grande quantità di costi associati“, scrive Ortner. L’editorialista austriaco ritiene che Orbán meriti le scuse dell’ex cancelliere austriaco Werner Faymann, che nel...

L’imam che ha parlato al raduno di Sanders ha sollecitato la lotta armata contro Israele

In quel giorno annienterò tutte le nazioni che si scontrarono contro Yerushalayim. Zaccaria 12: 9 (The Israel Bible ™) Uno sguardo più attento mostra che l’alleanza di Bernie Sanders con i sostenitori musulmani va in profondità e potrebbe nascondere molto più dell’odio ebreo. Il senatore del Vermont Bernie Sanders è nato ebreo ma gran parte del suo sostegno alla campagna proviene da personalità virulentemente anti-israeliane, come Linda Sarsour che è una surrogata della campagna di origine palestinese. Sanders ha invitato l’imam Omar Suleiman a parlare a una manifestazione a Mesquite, in Texas, due settimane fa. L’imam ha smesso di approvare Sanders ma è stato fotografato molte volte con il candidato che ha promesso di trasformare l’americano in un’utopi...

Il museo olandese critica la censura di Degas fatta per evitare di offendere i musulmani

“Il ruolo dei musei sta cambiando“, dice ufficialmente il programma televisivo Buitenhof. “Sono sempre più visti come parte della cultura e della società che li circonda“. Sono due degli artisti più amati di tutti i tempi: Edgar Degas, celebre per la sua straordinaria stesura e i teneri e dinamici dipinti di ballerine; e Vincent van Gogh, adorato non solo per la sua tragica storia di vita, ma per le sue tele luccicanti, quelle immagini di fama mondiale di notti stellate e girasoli luminosi. Ora, un museo dedicato all’opera di Van Gogh chiede se sia “appropriato“, nell’anno 2020, esibire un disegno di Degas. A dire il vero, non è solo un disegno. Lo schizzo in questione raffigura una donna che fa il bagno vista da dietro, con il suo “der...

Australia: musulmano decapita il fratello dell’amante della moglie, dice “il sistema mi ha tradito solo perché sono straniero”

Sono sempre loro le vittime. In ogni circostanza Non importa cosa. È davvero un’arte, davvero. Ci vuole molta pratica per invertire la realtà in modo così abituale e infaticabile. Ma lo vediamo con i suprematisti islamici ancora e ancora e ancora. “Il macellaio Mohammed Khan imprigionato a vita per aver decapitato un amico durante una battuta di pesca“, di Jemima Burt, ABC.net.au, 12 febbraio 2020: Un macellaio del Queensland centrale è stato condannato all’ergastolo per aver ucciso il suo amico tagliandogli la testa in preda alla rabbia per la relazione della moglie con il fratello del defunto. Mohammed Khan è stato dichiarato colpevole dalla Corte Suprema a Rockhampton per l’omicidio del 33enne Syeid Alam. Il processo ha sentito che Khan aveva organizzato di...

Doppio standard di censura di Facebook

Facebook rimuove il posto del PMW contro la promozione del terrorismo ma lascia intatti numerosi post di Fatah che glorificano gli assassini e promuovono il terrore La scorsa settimana, Palestinian Media Watch ha esposto un video animato sulla rete di social media TikTok che mostrava la rievocazioni di quattro veri attacchi terroristici contro gli israeliani. Dopo l’esposizione di PMW, TikTok ha fatto la cosa giusta e ha prontamente rimosso il video dalla sua rete. Al contrario, Facebook ha deciso di rimuovere l’esposizione di PMW dello stesso video, sostenendo che PMW aveva “violato i suoi standard di community“. Tuttavia, non si trattava di contenuti violenti creati da PMW, ma dell’esposizione di PMW di tali contenuti realizzati e pubblicati sui social media...

  • 1
  • 2
  • 4