Opinioni

Cristiani decapitati a Natale, l’Occidente non presta attenzione

I musulmani si mobilitano nelle piazze occidentali per difendere i loro fratelli, ma per i nostri fratelli cristiani perseguitati queste piazze rimangono vuote. Quale estensione deve assumere questa guerra contro i cristiani, prima che l’Occidente la consideri un “genocidio” e agisca per impedirlo? All’indomani della decapitazione dei cristiani in Nigeria, Papa Francesco ha ammonito la società occidentale. A proposito dei cristiani decapitati? No. “A tavola spegnete i telefonini“, ha affermato il Pontefice. Non ha detto una sola parola sull’orribile esecuzione delle sue sorelle e dei suoi fratelli cristiani. Pochi giorni prima, Francesco aveva appeso una croce con un giubbotto salvagente in memoria dei migranti che hanno perso la vita nel Mar Medit...

MFM GO, Olukoya: la celebrazione natalizia è satanica, non biblica

Il supervisore generale del Ministero della montagna del fuoco e dei miracoli (MFM), il dott. Daniel Olukoya, ha preso a calci le celebrazioni natalizie. Parlando mercoledì durante il servizio MFM Manner, Olukoya ha descritto la celebrazione del Natale come idolatria. Naija News riferisce che il programma, che si è tenuto presso la sede della chiesa di Lagos, è stato organizzato per spostare l’attenzione dei membri dalla celebrazione del Natale 2019. Olukoya ha dichiarato che la celebrazione del Natale è stata non biblica, aggiungendo che nessun libro della Bibbia riporta la parola “Natale” o che Gesù nacque il 25 dicembre. Ha detto: “Se studi davvero la Bibbia dalla Genesi all’Apocalisse, non esiste una parola come Natale. “La Bibbia registra solo che i pastori si ...

Il genocidio dei cristiani in Nigeria

“È difficile spiegare ai cristiani nigeriani che questo non è un conflitto religioso perché quelli che vedono sono combattenti fulani vestiti interamente di nero, che scandiscono a voce alta: “Allahu akbar!” e gridano: “Morte ai cristiani!” – Suor Monica Chikwe, citata da John. L. Allen Jr., Crux, 4 agosto 2019. “A Numan, nello Stato di Adamawa, centinaia di cristiani sono stati attaccati e uccisi dai pastori jihadisti fulani. Quando hanno cercato di difendersi, il governo Buhari ha inviato l’aeronautica militare a bombardare centinaia di loro, in difesa degli aggressori Fulani. È giusto?!” – Femi Fani-Kayode, ex ministro dell’Aviazione, Daily Post (Nigeria), 6 dicembre 2017. Questo è lo stato attuale delle cose: un jihad di proporzioni...

Lo stupro, se commesso dai migranti, non è più punibile in Germania ?

Il tribunale regionale di Bielefeld ha assolto nove giovani accusati di aver violentato una ragazza di 14 anni in Harsewinkel nel distretto di Gütersloh. Tuttavia, due dei nove imputati dovranno fare otto ore di servizio ciascuno in una comunità per aver diffuso filmati ed immagini inerenti alla pornografia e alla violenza sessuale, e per aver palpeggiato la ragazza contro la sua volontà. I due hanno filmato gli atti sessuali degli altri giovani in cantina nel novembre 2017 e li hanno pubblicate su Internet. Il giudice ha giustificato il suo verdetto dicendo : “Il comportamento degli imputati è moralmente inaccettabile, ma non punibile, . La ragazza non è stata in grado di spiegare se lei avesse o meno inizialmente partecipato volontariamente“. Sembrava tutto molto chiaro. La r...

Saremmo stati chiamati “Nazifobi” negli anni ’30?

Chi ha detto: “La nostra battaglia con l’ebraismo mondiale è una questione di vita o di morte. È una battaglia tra due fedi contrastanti, ognuna delle quali può esistere solo sulle rovine dell’altra. ” Un leader nazista o un leader arabo? Cosa avrebbero detto i media di oggi negli anni ’30, quando Hitler stava condividendo le sue opinioni sugli ebrei? The Globe and Mail, The Toronto Star, CTV o i giornalisti del New York Times? O CNN e BBC? Cosa avrebbero detto sentendo queste parole? Nel 1933 Hitler disse chiaramente: “Perché il mondo versa lacrime di coccodrillo sul destino pienamente meritato di una piccola minoranza ebraica? … chiedo a Roosevelt, chiedo al popolo americano: sei pronto a ricevere in mezzo a te questi avvelenatori del popolo tedesco e lo spi...

Europa: la nuova arma politica si chiama ‘”islamofobia”

L’obiettivo dell’uso della parola “islamofobia” sembra essere stato quello di rendere intoccabile l’Islam ponendo ogni critica ad esso equivalente al razzismo o all’antisemitismo. La parola “islamofobia” intende deliberatamente trasformare la critica di una religione – un diritto fondamentale nelle società occidentali – in un crimine. “Il termine ‘islamofobia’ ha diverse funzioni … Soprattutto,ha lo scopo di mettere a tacere i musulmani che mettono in discussione il Corano, che chiedono l’uguaglianza dei sessi, che rivendicano il diritto di rinunciare alla loro religione e che vogliono praticare la propria fede liberamente e senza sottomettersi ai dettami del barbuto e del dogmatico “. – P...

“Bomba alla Danimarca per prendere le loro mogli come bottino di guerra”

“Bomba alla Danimarca, così possiamo invadere il loro paese e prendere le loro mogli come bottino di guerra“, ha gridato rauco un manifestante a Londra. È stato registrato su un cellulare e la clip può essere vista su Internet. Come ci arriva quell’urlo? Bomba? Una fantasia rivelatrice? Un insulto teatrale? Una sorta di maledizione dell’Antico Testamento? La maggior parte degli ascoltatori inglesi reagirebbe in questo modo, non disposto a dargli un valore più serio, e considererebbe l’urlo solo fuori dalla realtà della vita moderna. Ecco la sorpresa: intendeva proprio questo. Sebbene arrabbiato ed eccitato, e mettendo in scena una performance, era mortalmente serio. L’occasione è stata una di quelle proteste islamiche organizzate in cui i manifestanti ob...

L’islamizzazione di un Paese non può essere fermata se la popolazione musulmana raggiunge il 16 percento

La donna che indossa la bandiera americana come hijab è un’immigrata americana nata in Bangladesh. Secondo uno studio dell’Università di Harvard, l’islamizzazione di un paese non può essere fermata una volta che la popolazione musulmana raggiunge il 16 percento della popolazione totale. Questo è ciò che ha detto l’esperta di Islam, Nikoletta Incze, alla televisione pubblica ungherese. Incze è ricercatrice presso il Center for the Study of Political Islam, una fondazione del critico islamico americano Bill Warner, che è attivo in diversi paesi. L’intervista con l’esperta di Islam è stata trasmessa come parte di un rapporto della rivista mattutina che si concentra sulla diffusione dell’Islam in Europa e porta il titolo di “Avanzata islamica ...

Lo Yemen è diventato un “centro di stupri di bambini”

Yemen: I genitori di Taiz chiedono risposte per presunti stupri dei loro figli. Sei mesi dopo che Amnesty ha evidenziato i ritardi della giustizia, le famiglie parlano nonostante le preoccupazioni di rappresaglia e vergogna. Per anni, Raed *, 12 anni, ha preso l’acqua dalla sua moschea nel suo quartiere di Taiz riempiva taniche che portava alla famiglia. Ma un pomeriggio di marzo, il figlio dell’imam della moschea chiese a Raed di prendere l’acqua dal seminterrato, dove si trovava la fontana, e, non appena Raed fu solo, lo violentò. “Mio figlio ha cercato di resistere, ma non c’è riuscito. Ha ancora 12 anni e l’uomo ha 20 anni- ha detto Zubaida, madre di una vittima di stupro di 12 anni“. Amnesty International ha avvertito che almeno altri tre raga...

La diversità etnica non è un punto di forza, ma una debolezza

Un nuovo studio peer-reviewed di accademici danesi pubblicato nell’Annual Review of Political Science ha rivelato che la diversità etnica erode la fiducia sociale nelle comunità. Lo studio , condotto da docenti presso l’Università di Copenhagen e Aarhus University in Danimarca, ha cercato di rispondere alla domanda se “l’immigrazione continua e la corrispondenti crescente diversità etnica” ha avuto un impatto positivo sulla coesione sociale, l’unità, e lo stare insieme. In breve, lo studio ha rilevato che “la continua immigrazione e la corrispondente crescente diversità etnica” esercita l’esatto effetto opposto sulla società, il che significa che mina e degrada la coesione sociale, l’unità, e lo stare insieme. A seguito di una meta-analisi di 1.001 stime...

Dai Paesi Bassi, ripensamenti sull’immigrazione musulmana

Dai Paesi Bassi, i ripensamenti sui migranti musulmani sono passati inosservati, ma sono ancora più importanti oggi rispetto a quando furono enunciati per la prima volta: Un ex CEO di Shell, che si offre volontario nel dare istruzione ai migranti nei Paesi Bassi, ha fornito alcuni esempi scioccanti delle sue esperienze. Anche se si è divertito molto, pensa che l’integrazione dei musulmani stia andando nella direzione sbagliata. Ciò che intendeva questo ex dirigente della Shell – Dominic Boot – è che nonostante tutti gli sforzi del governo olandese e dei volontari come lui, i musulmani stessi resistono e si risentono, tutti i tentativi di integrarli nella società olandese sono nulli. La ragione per cui “l’integrazione dei musulmani sta andando nella direzione s...

Perché la Sharia è un problema per la democrazia occidentale

Queste considerazioni sono per gli occidentali che potrebbero non sapere molto sull’Islam, ma che si chiedono perché sembra condurre i membri della sua fede nella violenza contro l’Occidente a differenza dei seguaci di altre fedi. Si scopre che la struttura della filosofia dell’Islam, la sharia, è una forza trainante. Le letture più ovvie della legge islamica, le letture del Corano e gli altri scritti fondamentali della fede più diretti e letterali, mettono coloro che giungono a credere profondamente nella fede in un percorso di collisione con democrazie secolari che l’Occidente ha costruito dall’Illuminismo. Perché la Sharia è in conflitto con la democrazia Ci sono due caratteristiche della sharia che lavorano insieme per creare un conflitto con le democrazie...