Politica

Lettore furioso scrive lettera a Macron

La seguente lettera al presidente francese Macron è stata pubblicata sul quotidiano online francese Riposte Laàque il 18 ottobre. Riposte Laque pubblica articoli quotidiani e relazioni sui crescenti disordini in Francia. Poiché nessuno può sapere se questi disordini si stanno diffondendo in Europa e quando la Danimarca, dove il governo e il parlamento o la stampa tradizionale non possono comprendere i pericolosi sviluppi in Europa – potrebbe anche menzionare la situazione in Germania e in Italia – trovo rilevante rendere i lettori consapevoli della situazione tesa in Francia. La lettera, che è una traduzione diretta, è uno dei molti messagi dello stesso calibro. Al presidente Emmanuel Macron Il popolo francese non è né razzista né xenofobo, ma lo sarà per sua stessa natura, se non lo ha gi...

JEAN MESSIHA AVVERTE LA FRANCIA: “È L’ISLAM CHE UCCIDE, NON L’ISLAMISMO” (video)

Jean Messiha, economista e politico di origine egiziana in Francia, affronta la decapitazione dell’insegnante francese Samuel Paty avvenuta all’inizio di questo mese. Messiha fa eccezione con la classificazione dei terroristi islamici come “islamici” creati dalle élite. Egli ritiene che la violenza commessa in nome dell’Islam sia in realtà da parte dei musulmani praticanti. L’ex consigliera della candidata alla presidenza francese, Marine Le Pen, spiega: Coloro che insultano, assaltano, uccidono con Kalashnikov o coltelli, macellano con proiettili o tagliano la gola e decapitano in nome di Allah o per vendicare il profeta sono musulmani, e la loro religione è l’Islam La grande percentuale di musulmani in Francia sono sharia-aderenti e sostengono la...

Marine Le Pen afferma che l’islamismo dovrebbe essere dichiarato “nemico della Francia”; Trump approva

Marine Le Pen, leader del partito Rally Nazionale francese, ha sostenuto che lo Stato deve dichiarare guerra all’ideologia dell’islamismo, dicendo che dovrebbe essere considerato “un nemico della Francia”. “Si sta facendo una guerra contro di noi, e dobbiamo condurre questa guerra. Non stiamo conducendo questa guerra contro uno Stato, ma contro un’ideologia: l’islamismo”, ha sostenuto il leader durante un’apparizione domenicale su Le Grand Jury,spettacolo prodotto dai media francesi RTL, Le Figaro e LCI. Fonte: Le Figaro. Le parole del candidato presidenziale francese per il 2022 arrivano appena nove giorni dopo che Samuel Paty, un insegnante di storia di 47 anni, è stato decapitato dai terroristi islamici fuori dalla sua scuola per ave...

Lituania, vince il centrodestra

Col secondo turno delle elezioni politiche, in Lituania il partito di centro-destra finora all’opposizione ha conquistato 50 dei 141 seggi in parlamento, diventando la forza politica di maggioranza relativa. L’Unione nazionale conservatrice di Gabrielius Landsbergis, al primo turno aveva conquistato il 25 per cento dei voti. Gabrielius Landsbergis, leader della UNC: “La gente ha chiesto un diverso approccio alla politica, diverso da quello finora seguito. Puntiamo a una coalizione con altri due partiti liberali per una maggioranza in parlamento”. In corsa per la guida del governo c’è Ingrida Simonyte, ex ministra delle Finanze, e nell’alleanza di governo anche il Partito della Libertà. Ausrine Armonaite: “Lavoreremo a una legge per permettere ai pa...

Paweo Lisicki: Le Chiese attaccate in Polonia per la nuova sentenza sull’aborto sono “una nuova forma di barbarie”

Giovedì, la Corte costituzionale polacca ha decretato che l’aborto eugenetico è incompatibile con la costituzione polacca. Dopo il verdetto, si sono svolte in tutto il paese molteplici proteste contro l’aborto e i sostenitori della sinistra, in alcuni casi, hanno attaccato le chiese, vandalizzato le statue e interrotto i servizi ecclesiastici. I manifestanti hanno mostrato la volontà di violenza e hanno attaccato la polizia con sassi, distrutto un veicolo della polizia e vandalizzato la statua di Ronald Reagan a Varsavia. Ora, le femministe hanno anche condotto proteste contro le chiese. Domenica, in diverse città polacche, le proteste si sono susseguite sia davanti che all’interno delle chiese. Gravi incidenti si sono verificati con vandalismi delle facciate delle chiese...

Sondaggio: La stragrande maggioranza dei francesi è contro l’accoglienza di altri migranti, ritiene che i migranti illegali rendono la Francia meno sicura

Secondo una nuova indagine esclusiva condotta dall’agenzia Ifop la stragrande maggioranza dei francesi sta diventando sempre più ostile all’accoglienza di migranti perchè ritiene che rendano il paese meno sicuro. Secondo l’indagine, quasi tre quarti degli intervistati ritengono che l’immigrazione costi alla Francia più di quanto guadagni da essa, mentre sette su 10 sostengono ulteriormente che il paese non ha più i mezzi per accogliere gli immigrati. L’impatto degli immigrati sulla sfera pubblica è percepito come negativo dal 64 per cento degli intervistati. Una netta maggioranza dei francesi, che rappresenta il 60 per cento, ritiene che l’accoglienza degli stranieri non sia più possibile a causa delle differenze di valori e dei problemi di convivenza. U...

La Francia richiama l’ambasciatore dopo che Erdogan ha messo in discussione la salute mentale di Macron

La Francia ha richiamato il suo ambasciatore in Turchia dopo che il presidente recep Tayyip Erdogan ha messo in dubbio la salute mentale dell’omologo francese Emmanuel Macron. Erdogan ha messo in dubbio la condizione mentale di Macron, criticando l’atteggiamento del presidente francese nei confronti dell’Islam e dei musulmani. Le sue osservazioni a un congresso locale del partito sono state una risposta apparente alle dichiarazioni di Macron fatte all’inizio di questo mese sui problemi creati dai musulmani radicali in Francia che praticano quello che il leader francese ha definito “”separatismo islamista”. “Qual è il problema di questa persona chiamata Macron con l’Islam e i musulmani?” Erdogan ha chiesto retoricamente durante il ...

Germania: Pastore Jakob Tscharntke: “le élite globali stanno conducendo la terza guerra mondiale contro i cittadini di tutti i paesi utilizzando la tirannia del coronavirus”

In un sermone tenutosi l’11 ottobre, il pastore Jakob Tscharntke ha detto ai parrocchiani che le élite globali stanno conducendo la terza guerra mondiale contro i cittadini di tutti i paesi e che utilizzano la tirannia coronavirus come loro veicolo. Egli spiega che, a differenza di altre guerre globali, “questa terza guerra mondiale non è combattuta da popoli diversi l’uno contro l’altro”. Piuttosto, continua, “è guidato da un’élite globale che a quanto pare, in qualsiasi modo, ha quasi TUTTI i governi nelle loro mani, per usarli e condurre la guerra contro i propri popoli.” I funzionari tedeschi sono stati particolarmente offensivi nei confronti dei cittadini, imponendo mandati arbitrari e utilizzando regole contraddittorie per perseguitare ...

Amnesty International e altre ONG sostenuto da Soros accusano Orbàn di omofobia e odio

Amnesty International e altre sette ONG hanno presentato una denuncia al difensore civico costituzionale ungherese contro il primo ministro ungherese Viktor Orbàn accusandolo di escludere la comunità LMBTQI dalla società, umiliandola e violando la loro dignità umana garantita dalla costituzione. Secondo queste organizzazioni, l’Orbàn rafforza alcuni stereotipi negativi che possono essere trovati nella società ungherese contro le minoranze sessuali. La denuncia arriva come reazione alle parole del primo ministro durante un’intervista radiofonica in cui ha commentato la pubblicazione di un libro di fiabe per bambini pubblicato dalla Labrisz Lesbian Society. Orbàn ha osservato che la legislazione ungherese sull’omosessualità si basa su “un approccio molto tollerante e ...

I migranti in barca ci presentano i loro coltelli. Matteo Salvini solleva la domanda: dovremmo accoglierli anche noi? (video)

Quasi ogni giorno, i migranti arrivano a Lampedusa, per lo più negli ultimi tempi tunisini , prendendo la relativamente “breve rotta” mediterranea per entrare illegalmente nel territorio italiano. Ancora e ancora, i video documentano l’allegro viaggio verso le coste italiane, presumibilmente per aumentare l’incentivo alle attività di copycat da un lato e per mostrare ai contrabbandieri che la spedizione di “migranti” è arrivata. Il filmato non mostra persone disperate, perseguitate e traumatizzate, ma piuttosto dà l’impressione di un allegro viaggio, composto senza eccezione da giovani che stanno per raggiungere la loro destinazione desiderata, mentre il sogno del paradiso è finalmente realizzato. Ora sono apparsi due video con i migranti in barca,...

Svezia: cittadino siriano che ha violentato una ragazzina di 12 anni in un bagno pubblico condannato a colloqui di genere; evita la deportazione e il carcere

Un giovane siriano è riuscito a evitare la deportazione e il carcere dopo essere stato condannato da un tribunale svedese per aver violentato una ragazza di 12 anni all’interno di un bagno pubblico nella città di Boras. All’inizio di questa settimana, la Corte distrettuale di Boras ha condannato Mustafa, di 18 anni, a riunioni di “assistenza ai giovani”, che introducono i trasgressori a soggetti di genere, norme sociali ed emozioni, per lo stupro di una ragazzina di 12 anni nel febbraio di quest’anno. Fonte: Nyheter Idag. Prima dello stupro, Mustafa e la ragazza si erano contattati per la prima volta sulla popolare app di social media Snapchat, un’app di messaggistica che consente agli utenti di scambiare immagini e video che scompaiono dopo essere stati...

Giorgia Meloni: “La destra ungherese e italiana, unita dall’amore per la libertà europea”

“Con il Primo Ministro Viktor Orbàn condividiamo le stesse opinioni sul futuro e sulla missione dell’Europa, che sono rappresentate anche dalla festa nazionale del 23 ottobre”, lo ha detto giovedì la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni all’agenzia di stampa nazionale MTI. “Insieme a Viktor Orbàn, crediamo che abbiamo bisogno di popoli coraggiosi come gli eroi ungheresi del 1956 che lottarono per la libertà, che ricordano all’Europa la sua vera identità, perché questo è l’unico modo per costruire un futuro”. Meloni era presente all’assegnazione del premio Pier Francesco Pingitore, autore della canzone italiana “Avanti ragazzi di Buda”, che si traduce in “Go, boys of Buda”. La canzone, che divenne l...