World News

Francia: musulmano con fascia al braccio con scritto “jihad” attacca la polizia, minaccia di morte in nome di Allah

Un uomo di 34 anni a Bordeaux è stato arrestato durante il fine settimana dopo essere entrato in una stazione di polizia e aver attaccato gli agenti urlando minacce di morte in nome di Allah. L’emittente televisiva francese BFMTV riferisce che l’uomo, che non è stato identificato per nome, è entrato nella stazione di polizia intorno all’ora di pranzo, indossando una fascia al braccio con la scritta “Jihad” in caratteri arabi, l’attacco è iniziato quasi immediatamente dopo che l’uomo è entrato nell’edificio, prontamente bloccato da un ufficiale di polizia con il taser il 34enne ha continuato a urlare minacce di morte. Non è chiaro se si trovasse o meno nella watchlist del terrorismo francese, nota come S-File, che contiene almeno 25.000 indivi...

È sempre colpa di qualcun altro. Sempre !

21 Marzo 2019 Regno Unito Newcastle: musulmano emigrante fermato per aver assalito violentemente un uomo. Il richiedente asilo si difende dando la colpa all’immorilità dilagante a Newcastle. Zain Osman di 25 anni ha lasciato la sua vita come pastore in Sudan per andare nel Regno Unito e sfuggire ai problemi della sua terra natale. Incontrata la sua vittima nelle prime ore del mattino, Osman ha fatto chiaramente intendere le sue intenzioni afferrandolo e tentando di abusarne sessualmente la vittima riuscita a divincolarsi ha tentato la fuga ma raggiunto dall’aggressore ha subito abusi sessuali per circa 20 minuti, durante i quali è stato più volte morso e infine buttato in un fossato. E’ grazie all’intervento di un tassista accortosi dell’accaduto che si è potu...

Tariq Ramadan accusato di “provocazione inaccettabile” alla conferenza sulla violenza sessuale

Tariq Ramadan, sotto processo per due accuse di stupro, si è presentato ad una conferenza sulla violenza sessuale nella periferia di Parigi tentasi a Saint-Denis lunedì scorso. La presenza dello “studioso” musulmano ha provocato indignazione tra gli organizzatori e i partecipanti che gli hanno più volte chiesto di allontanarsi. Madjid Messaoudene ha dichiarato “La sua partecipazione, come spettatore, è una provocazione inaccettabile, il signor Ramadan non è stato invitato a partecipare all’evento tantomeno avremmo voluto che fosse presente, per legge non è possibile forzare fisicamente il signor Ramadan a lasciare un incontro pubblico, ma comunque gli è stato chiesto più volte di andarsene.Le sue spregevoli provocazioni devono finire e dovrebbe mostrare un minimo di...