Islam

Centinaia di migliaia di musulmani sfidano il coprifuoco coronavirus in Iraq per visitare il santuario dell’imam martirizzato

Centinaia di migliaia di musulmani sfidano il coprifuoco coronavirus in Iraq per visitare il santuario dell’imam martirizzato

“Riteniamo che il numero di persone infette aumenterà la prossima settimana a causa di questa visita”. Fonte: NBC News.

Il governo iracheno è stato costretto a schierare truppe dopo che centinaia di migliaia di persone hanno sfidato le restrizioni del coronavirus e hanno tentato di visitare un santuario sacro per i musulmani sciiti.

Si stima che tra le 300.000 e le 400.000 persone sono arrivate al santuario di Musa al-Kadhim, il settimo dei 12 imam che sono considerati i successori spirituali e politici del profeta Muhammad, a nord della capitale del paese di Baghdad, una delle fonti ha detto venerdì.”Le forze di sicurezza hanno chiuso l’area intorno al santuario per impedire alle persone di entrare, per radunarsi all’interno. Riteniamo che il numero di persone infette aumenterà la prossima settimana a causa di questo evento”.

L’Iraq ha imposto il coprifuoco una settimana dopo che 10 persone sono risultate infette da COVID-19. I voli, dall’aeroporto internazionale di Baghdad sono stati sospesi e diversi governatorati del paese hanno chiuso i confini. Da allora altre sette persone sono morte per COVID-19 e altri 195 casi sono stati confermati.

Ma ciò non ha impedito ai pellegrini di presentarsi in decine di migliaia nel sito dove normalmente in questo periodo dell’anno ne arrivano tra i 3 e 4 milioni per rendere omaggio all’imam martire.

Gli sciiti sono una setta dell’Islam che apprezza i discendenti della famiglia del profeta Maometto, attraverso il lignaggio di sua figlia Fatima conosciuta come Ahlul Bayt, ha affermato il dott. Marryum Mahmood, ricercatore presso il Centro di Cadbury per la comprensione pubblica della religione nel Città britannica di Birmingham. “Li vedono come puri”, ha aggiunto.

Proprio come il cattolicesimo, i fedeli cercano l’intercessione invitando questi discendenti a pregare, “quindi non stanno pregando loro, ma attraverso loro a Dio”, di conseguenza, visitare il santuario è importante.

Oltre ad arrivare dall’Iran, migliaia di pellegrini si recano nel luogo sacro, dal Pakistan e dall’Afghanistan.
Tradizionalmente, i pellegrini convergono a piedi nell’imponente complesso di Baghdad per pregare e prendere parte alle cerimonie di lutto che durano diversi giorni.

Sabato è stato particolarmente importante per loro perché era il giorno in cui Musa al-Kadhim era stata martirizzata in una prigione dell’attuale Iraq.

Marryum Mahmood ha aggiunto che spera che tutti possano completare rapidamente le loro visite seguendo le indicazioni mediche in modo da non essere fonte di infezione per gli altri.

In risposta ai raduni nei santuari, il primo ministro ad interim iracheno Adel Abdul-Mahdi ha dichiarato che le multe sarebbero state inflitte a chiunque violasse il coprifuoco.

Quei visitatori stavano violando le norme sanitarie, ha detto.Il ministero della salute .

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento