Migranti / World News

Cipro mette in guardia contro i migranti infetti che attraversano illegalmente l’UE

Cipro mette in guardia contro i migranti infetti che attraversano illegalmente l’UE

Il ministro della salute di Cipro ha avvertito: “I richiedenti asilo infettati da coronavirus potrebbero insidiarvi attraverso la porosa linea di cessate il fuoco nell’isola mediterranea di Cipro.

Il ministro Constantinos Ioannou ha sottolineato “un problema” dopo che un certo numero di migranti che hanno recentemente attraversato illegalmente le frontiere dal nord per chiedere asilo nel sud sono risultati positivi per COVID-19.

Ioannou ha detto che due mesi fa il governo aveva ordinato che tutti i migranti si sottoponesserp ai test per il COVID-19 prima di entrare nei centri di accoglienza. Almeno otto migranti siriani che hanno attraversato le frontiere nell’ultima settimana sono risultati positivi.

Ioannou ha detto che i controlli del coronavirus sono in corso in diversi punti di incrocio della zona cuscinetto controllata dalle Nazioni Unite di 180 chilometri. Ma i migranti cercano altre rotte più remote per attraversare le frontiere del sud dell’Unione europea.

I valichi sono stati aperti alla fine del mese scorso dopo essere stati chiusi per tre mesi a causa delle restrizioni al coronavirus. Tuttavia, il governo cipriota vieta ancora le traversate degli stranieri a causa dell’incertezza sul tasso di infezione da virus ancora alto nel nord.

Nel sud, Cipro ha visto oltre 1.000 infezioni e 19 decessi da virus confermati.

“Il virus è ancora qui, non ci siamo sbarazzati di esso come molti pensano e se non prendiamo misure protettive allora potremmo avere gravi problemi in futuro,”Ha detto Ioannou.

Cipro è stata sciolta nel 1974 quando la Turchia l’ha invasa dopo un colpo di stato volto all’unione con la Grecia.
La nazione è entrata a far parte dell’UE nel 2004, ma solo i greco-ciprioti e altri nel sud godono della piena adesione.

Più di tre quarti dei migranti che hanno chiesto asilo nel sud di Cipro sono arrivati dal nord.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento