Islam

Cittadino tedesco decapita moglie marocchina in stile ISIS

Cittadino tedesco decapita moglie marocchina in stile ISIS

Un cittadino tedesco che si è recentemente convertito all’Islam ha decapitato la moglie marocchina in un crimine che porta il segno distintivo del gruppo dello Stato islamico, l’ISIS.

L’uomo sulla cinquantina, residente nella città di Amburgo, frequenta una moschea locale nella città della Germania settentrionale dove c’è un’importante comunità turca, riferiscono i media locali.

Le forze di sicurezza tedesche e i servizi segreti interni stanno indagando sul crimine e si chiedono se l’uomo abbia agito da solo o abbia ricevuto istruzioni per il raccapricciante assassinio.

Vicini e membri della moschea hanno detto alle forze di sicurezza che il comportamento dell’uomo era cambiato prima dell’uccisione mentre sviluppava un caragttere cupo e stava indossando il codice di abbigliamento degli uomini afghani.

La Germania, lamentano diversi paesi, è diventata un rifugio sicuro per decine di ex militanti dell’ISIS che hanno combattuto in Siria e Iraq.

Il Marocco ha messo in guardia il paese europeo dalla presenza sul suo territorio di ex terroristi dell’ISIS.

A marzo, un rapporto investigativo della televisione francese M6 ha lanciato l’allarme sulla presenza di ex combattenti del gruppo terroristico che vivono liberamente in Germania.

Il programma di punta M6 “Enquête Exclusive” ha mostrato come i jihadisti dell’ISIS siano riusciti a sfuggire fingendosi richiedenti asilo, e come abbiano finito per essere accolti a braccia aperte e abbiano avuto un rifugio sicuro in Germania, a causa del pericoloso lassismo delle autorità tedesche.

Mentre l’ISIS è stato ufficialmente sconfitto nel marzo 2019 quando ha perso i suoi ultimi santuari in Siria e Iraq, i carnefici dell’organizzazione terroristica sono ancora in fuga.

I criminali marchiati lupi solitari sono una grande minaccia e possono essere rapidamente mobilitati da una cellula dormiente del gruppo terroristico globale.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento