Italia / Migranti / Politica

Con l’aggravarsi della pandemia, l’Italia non applica il blocco marittimo promesso per fermare i continui sbarchi di clandestini

Con l’aggravarsi della pandemia, l’Italia non applica il blocco marittimo promesso per fermare i continui sbarchi di clandestini

Mentre la pandemia sta costringendo l’Italia in ginocchio, i migranti illegali continuano a fluire nel paese. L’opposizione di destra dice che è scandaloso che il governo non faccia nulla per le condizioni critiche che si sono sviluppate sulle isole, riporta il quotidiano conservatore ungherese Magyar H’rlap .

L’occupazione delle isole meridionali d’Italia continua anche se la Sicilia è già diventata una zona ambra in termini di gravità dell’epidemia di coronavirus. È vietato entrare o uscire dalla regione, ma questo non vale per gli immigrati.
Altri 400 immigrati clandestini sono arrivati sull’isola di Lampedusa, e da lunedì, l’hotspot Contrada Imbriacola è stato riempito alla capacità massima.
Il centro di accoglienza ospita ora 2.000 persone in condizioni spaventose, ma il governo di sinistra non ha ancora ordinato la chiusura dei porti e il blocco navale.
I residenti locali sono indignati per il doppio standard applicato alla provincia.


Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia (FdI), ha definito Lampedusa una “zona duty-free”, riferendosi al fatto che gli immigrati possono viaggiare sull’isola senza controllo e conseguenze. Il sindaco Salvatore Martello e Attilio Lucia, coordinatore locale della Lega di opposizione di destra, considerano il governo – attraverso la sua inazione – complice del peggioramento della situazione. Esortano il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese a intervenire immediatamente e a mantenere la sua recente promessa di instaurare un blocco marittimo. Per inciso, questo è esattamente ciò che i politici di destra Giorgia Meloni e Matteo Salvini, presidente della Lega, chiedono da anni.

Anche il coordinatore di Fratelli d’Italia Rosario Costanza ha parlato di condizioni spaventose. Egli ha sottolineato che l’assistenza sanitaria fornita agli immigrati che arrivano ifetti dal coronavirus e tubercolosi spesso mette a rischio i residenti. Anche l’assistenza della Chiesa è più limitata e le parrocchie non accettano più neanche le donne e i bambini che sono quindi costretti a dormire tra gli uomini. In tali circostanze, le donne spesso diventano vittime di abusi e stupri, ha detto il politico.

Riforma dello spazio Schengen

Il terrore islamista non riguarda il conflitto, ma “il modello di una società democratica che deve affrontare comportamenti terroristici e antidemocratici”, ha detto ieri la cancelliera tedesca Angela Merkel a Berlino dopo una discussione online con il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, il primo ministro olandese Mark Rutte e i leader del Consiglio europeo e della Commissione europea.

Secondo Merkel, il terrore islamista deve essere affrontato con la massima determinazione e una serie di decisioni a livello dell’UE devono essere accelerate.

È estremamente importante sapere chi sta arrivando e chi sta lasciando lo spazio Schengen, ha aggiunto. Emmanuel Macron e Sebastian Kurz hanno chiesto un maggiore controllo alle frontiere esterne dell’UE, mentre il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato che la Commissione presenterà le sue nuove proposte sulla lotta al terrorismo il 9 dicembre.
Entro il prossimo maggio la Commissione presenterà anche il suo piano di riforma del funzionamento dello spazio Schengen.

Immagine del titolo: l’ex ministro dell’Interno e leader della Lega Matteo Salvini partecipa a una manifestazione di partito a San Giovanni La Punta, vicino Catania, Sicilia, venerdì 12 ottobre 2020. Sabato, 3 ottobre, Salvini ha partecipato a un’udienza preliminare a Catania per aver bloccato 131 migranti a bordo di una nave della guardia costiera per cinque giorni nel luglio 2019. (Mauro scrobogna/LaPresse via AP)

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento