World News

Danimarca: il leader Stram Kurs Rasmus Paludan attaccato da migranti

Danimarca: il leader Stram Kurs Rasmus Paludan attaccato da migranti

Rasmus Paludan, il leader del partito danese Stram Kurs (Hard Line), è stato portato in salvo dalla polizia dopo che gli immigrati lo hanno attaccato con petardi durante una manifestazione nella zona multiculturale di Tingbjerg.

Durante il fine settimana, il leader del partito di estrema destra e capo critico dell’Islam e dell’immigrazione di massa in Danimarca, è stato portato in salvo dalla polizia dopo appena 20 minuti dall’inizio della manifestazione. Fonte: TV2.

Il discorso di Paludan è stato interrotto dopo circa quattordici minuti, quando i migranti del quartiere hanno iniziato a lanciargli petardi contro.

Il primo petardo è stato lanciato dal tetto del palazzo di fronte al palco, mentre la seconda esplosione è stata nelle immediate vicinanze del leader del partito. L’esplosione è stata così violenta che una finestra dietro Paludan è stata frantumata.

Dopo la terza esplosione, la polizia ha deciso di portare Paludan lontano dalla zona.

Anche con una massiccia presenza della polizia alla manifestazione, non uno degli aggressori è stato arrestato.

Questa non è la prima volta che il Paludan è stato attaccato per le sue manifestazioni, che, dice, sono fatte per far luce sulla incapacità della polizia di sostenere la libertà di riunione e di manifestazione in Danimarca.

Il partito di Paludan, Stram Kurs, è stata fondata nel 2017 e mira a creare “una Danimarca per i danesi”. Il partito vorrebbe vedere l’Islam vietato in Danimarca, l’espulsione di tutti i rifugiati, e il ritiro della cittadinanza degli immigrati non europei.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento