Islam

DHAKA: 25.000 persone si radunano per la sessione di preghiera di Covid-19 in Bangladesh suscitando proteste

DHAKA: 25.000 persone si radunano per la sessione di preghiera di Covid-19 in Bangladesh suscitando proteste

Una massiccia sessione di preghiera contro il Covid-19 con decine di migliaia di devoti ha scatenato una protesta in Bangladesh mercoledì (18 marzo) quando la nazione dell’Asia meridionale ha riferito la sua prima morte a causa della pandemia globale.

Il capo della polizia locale Tota Miah ha detto che circa 10.000 musulmani si sono radunati in un campo aperto nella città di Raipur, nel sud del Bangladesh, per pregare “versi curativi” del Corano per liberare il paese dal virus mortale.

“Hanno tenuto le preghiere di Khatme Shifa dopo l’alba per liberare il paese dal coronavirus”, ha detto Miah ad AFP.

Gli organizzatori hanno affermato che il numero di fedeli era di 25.000.

Ha detto che gli organizzatori non hanno ottenuto il permesso dalle autorità di tenere la sessione.

Le foto del raduno sono state ampiamente condivise sui social media, con i commentatori che hanno criticato l’enorme manifestazione.

Le autorità hanno già chiuso le scuole e chiesto ai locali di evitare grandi raduni nel tentativo di arrestare la diffusione della malattia.”Incredibile come lo hanno fatto senza avvisare la polizia? Saranno ritenuti responsabili se succede qualcosa alle persone nella regione”, ha scritto Abdur Rahman su Facebook.

Nonostante l’appello delle autorità per evitare le aree pubbliche affollate, molti hanno colto l’occasione per visitare siti turistici.

La polizia ha dichiarato di aver chiuso due spiagge, di cui una a Cox’s Bazar, il principale distretto turistico del paese, che ospita quasi un milione di rifugiati rohingya provenienti dal Myanmar.

Un leader senior della Awami League al potere, Obaidul Quader, ha affermato che potrebbe essere necessario un blocco per contenere il virus. “Se necessario, il Bangladesh verrà chiuso. Sarà applicato laddove necessario. Le persone devono prima essere salvate. Faremo di tutto “, ha detto ai giornalisti.

Il numero di casi positivi nel paese di 168 milioni di persone è di 14, anche se alcuni esperti medici temono che non siano stati condotti test sufficienti

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento