Politica / World News

‘Dove sono i manifestanti?’ chiede Trump dopo aver condiviso il video di uomo di colore che aggredisce un impiegato bianco Macy

‘Dove sono i manifestanti?’ chiede Trump dopo aver condiviso il video di uomo di colore che aggredisce un impiegato bianco Macy

Martedì, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha condiviso un filmato su Twitter di un maschio di colore che picchia un impiegato bianco nel negozio di abbigliamento di Macy e ha chiesto perché la gente non protesta contro l’aggressore.

“Guarda cosa sta succedendo qui. Dove sono i manifestanti? È stato arrestato quest’uomo? Trump ha scritto mentre condivideva il video di Matt Walsh.

Il video di 18 secondi cattura un uomo dalla pelle scura che colpisce un impiegato bianco e lo fa cadere a terra. Il video, girato lunedì al Macy’s al centro commerciale Genessee Valley Center di Flint Township, continua con l’aggressore che lo colpisce due volte di più mentre cerca di scappare via.

Secondo the Daily Mail, la persona che ha filmato il pestaggio è il 22enne FT Quay, il fratello dell’aggressore. Quay sostiene che suo fratello ha aggredito il commesso del negozio in collera perché il venditore bianco lo aveva chiamato “negro”.

Quay ha detto che il dipendente ha risposto a una telefonata, dove avrebbe detto a qualcuno all’altro capo del telefono che si trattava di “nessuno, solo un po’ di n. s.r.” questo ha causato l’ira del fratello.

Non ci sono prove indipendenti che il venditore abbia fatto una tale osservazione e Macy’s dice che l’aggressione è stata “non provocata”.

Un maschio nero non identificato colpsce un impiegato di Macy bianco dopo che era già a terra.

Quay ha detto che suo fratello “non aveva altra scelta”.

“Cos’altro avremmo dovuto fare? Alla nostra età e in questo momento? È stato istinto”, ha detto Quay al Daily Mail. Si è rifiutato di condividere il nome di suo fratello, e l’account su Twitter dove ha pubblicato per la prima volta il video è stato eliminato da venerdì.

Quay ha anche parlato con il New York Post e ha detto che è completamente d’accordo con le azioni di suo fratello.

Walsh, da cui Trump ha preso il video, lo ha descritto in modo diverso.

“Quest’uomo ha aggredito brutalmente un impiegato di Macy a causa della sua razza, perché ha detto la parola N, ma è una bugia. Si tratta di un crimine d’odio orribile, e se le cose fossero state al contrario, ne parleremmo per giorni”, ha scritto Walsh.
Ha anche osservato che “c’è stata una sfilza di aggressioni violente contro i bianchi e nessuno è stato perseguito per crimini d’odio”.

Le riprese di una serie di aggressioni da parte di persone di colore su persone bianche si sono diffuse su internet da quando sono esplose le proteste di Black Lives Matter, con alcuni esempi tra cui il video di un uomo di colore che picchia una giovane ragazza bianca, un maschio di colore e un molestatore sessuale arrestato oltre 100 volte che prende a pugni una donna bianca di 92 anni su un marciapiede a New York City, un gruppo di bambini neri che picchiano un ragazzo bianco mentre un adulto nero ride all’attacco, e un altro incidente che coinvolge i manifestanti della BLM che picchiavano i ragazzi bianchi dalle loro auto a Santa Monica, in California.

La polizia sta ancora indagando sull’incidente di Macy’s e sta esortando tutti i testimoni a farsi avanti.

“Siamo profondamente rattristati per l’incidente verificatosi lunedì 15 giugno a Macy’s Genesee Valley, poiché la sicurezza dei clienti e dei colleghi di Macy è la nostra priorità assoluta”, ha dichiarato Andrea Schwartz, direttore senior delle relazioni con i media per Macy’s.

“La violenza sul posto di lavoro di qualsiasi tipo è inaccettabile. Tutti i filmati di quella sera sono stati rivisti ed è chiaro che l’aggressione non è stata provocata”, ha detto.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento