Islam

“Dovrebbero essere mutilati e uccisi”: il religioso iraniano afferma che il Corano giustifica la tortura e l’uccisione dei manifestanti

“Dovrebbero essere mutilati e uccisi”: il religioso iraniano afferma che il Corano giustifica la tortura e l’uccisione dei manifestanti

La Repubblica Islamica TV ha intervistato un esperto del Corano che ha sostenuto la tortura e la pena di morte per i partecipanti alle proteste dell’Iran. Ha suggerito che i manifestanti non dovrebbero semplicemente essere uccisi, ma dovrebbero anche soffrire.

Nel video condiviso dall’attivista iraniano Masih Alinejad, recita un versetto del Corano che, secondo lui, suggerisce mutilazioni, esilio e impiccagione pubblica dei manifestanti iraniani.

Gli attivisti si sono infuriati dopo aver visto il video, chiedendo immediate interferenze internazionali mentre la situazione in Iran si intensifica.

La scorsa settimana in Iran sono scoppiate massicce proteste in risposta al crescente costo della vita e al drammatico aumento dei prezzi del carburante.

In seguito alla decisione di Donald Trump di ritirarsi dall’accordo nucleare, migliaia di persone hanno marciato verso le porte del parlamento in una delle più grandi proteste a cui l’Iran ha assistito negli anni. Molti si sono scontrati con la polizia e i manifestanti sono stati dispersi dalle forze di sicurezza usando gas lacrimogeni.

Secondo Amnesty International, almeno 143 manifestanti sono stati uccisi da quando sono scoppiate le proteste il 15 novembre.

Il gruppo per i diritti umani afferma che le morti derivano quasi interamente dall’uso intenzionale di armi da fuoco da parte delle forze di sicurezza, sebbene sia stato riferito che un uomo è morto dopo aver inalato gas lacrimogeni e un altro dopo essere stato picchiato. Amnesty ritiene che il bilancio delle vittime sia significativamente più alto e gli attivisti affermano che supera i 200.

2
2

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento