Politica / World News

Erdoğan ha accusato falsamente la Grecia di aver ucciso due migranti

Erdoğan ha accusato falsamente la Grecia di aver ucciso due migranti

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, lunedì, ha accusato la Grecia di aver ucciso due migranti e di averne gravemente ferito un altro al confine tra Grecia e Turchia.

In una conferenza stampa dopo l’incontro con il Primo Ministro bulgaro Bojko Borisov, Erdoğan ha anche dichiarato di aver rifiutato 1 miliardo di euro che l’Unione Europea avrebbe offerto per aiutarlo a gestire la migrazione.

Mentre i filmati di un migrante che sembrava essere stato ferito circolavano sui social media, Erdoğan affermava: “I soldati greci hanno ucciso due migranti e ferito gravemente un terzo“.

Il portavoce del governo greco ha dichiarato che la dichiarazione di Erdoğan sui migranti uccisi al confine greco è una “disinformazione“. Fonte: Reuters.

In precedenza, i media turchi avevano riferito che la polizia greca avevano sparato a un rifugiato siriano al confine.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento