Politica / World News

Eurodeputato ungherese: La maggioranza liberale del Parlamento europeo ricatta gli Stati membri

Eurodeputato ungherese: La maggioranza liberale del Parlamento europeo ricatta gli Stati membri

L’eurodeputato ungherese del partito Fidesz, Tamàs Deutsch, ha dichiarato giovedì nella sessione plenaria del Parlamento europeo che la maggioranza liberale del Parlamento europeo sta cercando di far passare una proposta che colleghi il trasferimento di fondi strutturali, il bilancio settennale dell’UE e il fondo di recupero di 750 miliardi di euro condizionato ai criteri dello Stato di diritto, che equivale a ricatti politici.

“La maggioranza sinistra-liberale del Parlamento europeo utilizza tutti i mezzi per collegare il trasferimento dei fondi dell’Unione per lo sviluppo ai cosiddetti criteri dello Stato di diritto”, ha detto Deutsch. “L’ultimo esempio è che vogliono fondi del quadro finanziario pluriennale [o MFP, il bilancio settennale dell’UE] e il fondo di recupero entrambi collegati a questo. (…) l’idea creerebbe in sostanza uno strumento di ricatto bloccando l’accesso ai fondi di convergenza.”

Deutsch ha detto che la maggioranza liberale-sinistra non si preoccupa di proteggere le economie o di aiutarle a recuperare più velocemente dagli effetti della pandemia del coronavirus, preferiscono invece mantenere la pressione attraverso calunnie e false notizie sugli Stati membri che hanno montato una difesa efficace contro la malattia e hanno risultati economici esemplari.
I fondi così trattenuti dagli Stati membri in questione sarebbero concessi a “ONG liberali internazionali notoriamente aggressive”.

Egli ha inoltre parlato contro i deputati dell’opposizione ungherese che – nei loro tentativi di screditare e minare il governo conservatore – si schierano regolarmente con le forze che attaccano il paese.

“Per quanto gravi siano le loro controversie interne sul quadro di bilancio di sette anni o sul pacchetto di recupero da 750 miliardi di euro, i deputati di 26 Stati membri si preoccupano di ottenere il maggior numero possibile di finanziamenti dell’UE ai rispettivi paesi”, ha affermato Deutsch. “C’è un’eccezione a questo ed è l’Ungheria. Gli eurodeputati dei partiti di opposizione ungheresi (…) dedicano tutte le loro energie per ridurre i finanziamenti dell’Ungheria.”

Deutsch ha inoltre affermato che il Parlamento europeo non dovrebbe penalizzare l’Ungheria per il suo uso efficace dei fondi dell’Unione europea.

“I risultati economici ungheresi sono in parte dovuti al fatto che in un confronto europeo noi ungheresi siamo i più efficaci nell’utilizzarli”, ha detto Deutsch. “Per questo motivo, l’opposizione ungherese vuole che il Parlamento europeo interrompa o riduca per ordine di grandezza queste risorse, nella speranza di provocare difficoltà al governo ungherese”.

Immagine del titolo: L’eurodeputato ungherese Tamàs Deutsch. (fonte: Parlamento europeo)

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento