Politica / World News

Fahrenheit 451: Lista nera: Film criticati per razzismo, tra cui il film premio Oscar ‘Via col vento’, stanno scomparendo da Internet

Fahrenheit 451: Lista nera: Film criticati per razzismo, tra cui il film premio Oscar ‘Via col vento’, stanno scomparendo da Internet

I fornitori di servizi di streaming online stanno ritirando film e serie che sono visti politicamente scorretti o razzialmente insensibili, ma i critici avvertono che le liste nere di massa di arte e oscuramento della storia sono tendenze inquietanti che stanno ora portando film con acclamate performance di attori e attrici nere nella censura.

La decisione arriva sulla scia delle proteste mondiali innescate dalla morte di George Floyd, che ha portato che classici del cinema come l’otto volte premio Oscar “Gone With The Wind” siano state temporaneamente ritirate dalla piattaforma di streaming HBO Max, secondo un rapporto da idnez.cz.

“Gone With The Wind è un prodotto del suo tempo e raffigura alcuni dei pregiudizi etnici e razziali che, purtroppo, sono stati all’ordine del giorno nella società americana.
Queste rappresentazioni razziste erano sbagliate allora e sbagliate oggi, e abbiamo ritenuto che mantenere questo titolo senza una spiegazione e una denuncia di tali raffigurazioni sarebbe irresponsabile”, ha detto HBO in una dichiarazione, aggiungendo che il film tornerà all’offerta, ma con un avvertimento sul contesto storico e la condanna delle scene razziste.

La rimozione del film romantico arriva dopo che lo sceneggiatore del film “Twelve Years a Slave”, John Ridley, ha chiesto alla compagnia di farlo in una rubrica pubblicata sul Los Angeles Times. Secondo lui, il film promuove stereotipi razziali e loda la schiavitù del sud nella guerra civile americana.

Altri lo vedono come un nuovo segnale pericoloso che potrebbe portare a un pendio scivoloso verso la censura di massa.

“Ogni volta che la correttezza politica cessa di distinguere la realtà dalla finzione e comincia a interferire con l’arte, il mondo è minacciato da una pandemia ancora più pericolosa del COVID-19”, ha commentato l’acclamato critico cinematografico ceco Mirka Sp’ilov, sulla rimozione di Via col vento dalla piattaforma, descrivendo la decisione come pura ipocrisia.

La guerra civile americana non distorce la storia del film, ma fa principalmente da sfondo alla storia d’amore di Scarlett O’Hara e Rhett Butler, sottolinea.

Hattie McDaniel ha vinto il premio Oscar come miglior attore non protagonista nel 1940 per la sua interpretazione nel film, guadagnandosi il primo Oscar nella categoria che sia stato dato ad una persona di colore, segnando un momento storico nell’industria cinematografica.

La lista nera della HBO arriva nonostante il fatto che “Gone With The Wind” rimane uno dei film favoriti fra i neri, con il 73 per cento di film “buono” o “molto buono” in un sondaggio del 2014.

La serie della BBC ‘Little Great Britain’ rimossa in seguito alle proteste di Black Lives Matter

Con le proteste di Black Lives Matter che si diffondono in Europa e chiede di rimuovere statue e altri monumenti storici in tutto il continente, ci sono preoccupazioni che importanti opere culturali e persino di commedia potrebbero essere vietate in tutto l’Occidente.

Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha persino istituito una commissione per garantire che i monumenti pubblici, i cartelli stradali e gli statuti della città siano conformi alla “diversità”.

L’emittente britannica BBC, che è finanziata dai contribuenti del Regno Unito, e il servizio di streaming Netflix hanno smesso di offrire la serie comica “Little Great Britain” ai loro abbonati. Entrambe le società giustificarono la decisione dicendo che “i tempi sono cambiati”, anche se la serie è stata prodotta solo nell’ultimo decennio.

In passato, la serie ha incontrato critiche, soprattutto per aver ritratto personaggi di diversa estrazione etnica.

La mossa ha causato indignazione tra i fan dello show che hanno sostenuto che alle persone dovrebbe essere date una scelta. Altri hanno sostenuto la decisione di censurare la serie, criticando gli attori che hanno applicato il trucco ai loro volti per ritrarre diverse razze.

Entrambi i principali attori, Matt Lucas e David Walliams, hanno precedentemente detto che nel contesto di oggi, le battute sui travestiti o sui neri sono inappropriate, e ora le farebbero in modo diverso.

Serie ‘Cops’ annullata negli Stati Uniti

Il canale televisivo statunitense Paramount Network ha annunciato che annullerà lo show televisivo di successo “Cops” in risposta alle proteste di Black Lives Matter.
In questo reality show in stile documentario, gli spettatori hanno visto le forze dell’ordine in azione dal 1989, lo show ha dato al pubblico americano la possibilità di dare uno sguardo da vicino al lavoro della polizia di tutto il paese.

La società ha rimandato la prima di lunedì della 33a serie, e martedì ha annunciato la rimozione completa della serie dalla sua offerta.

“Cops non è più sulla Paramount Network, e non abbiamo previsioni attuali o futuri per il suo ritorno”, ha dichiarato l’azienda.

“Domani, si può scoprire che solo al cast di ‘Bad Boys’ sarà permesso di arrestare i criminali in futuro.
Anche se potrebbero felicemente distruggere metà della città mentre lo fanno, gli afroamericani recitano nei ruoli principali, quindi andrebbe bene”, ha commentato Sp’ilov su quelle che dice essere le nuove assurde norme che potrebbero seguire le proteste di Black Lives Matter.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento