Islam / Migranti / Opinioni / Politica

FRANCIA – ERIC EMMOUR: LE RIVOLTE GLOBALI NON SPONTANEE – SONO UNA GUERRA ACCURATAMENTE COORDINATA CONTRO L’OCCIDENTE (video)

FRANCIA – ERIC EMMOUR: LE RIVOLTE GLOBALI NON SPONTANEE – SONO UNA GUERRA ACCURATAMENTE COORDINATA CONTRO L’OCCIDENTE (video)

“Possiamo vedere che a poco a poco, la guerra di classe è diventata una guerra di razza. Tra civiltà. Tra il mondo cristiano e quello islamico. Possiamo tutti vedere che questo sta accadendo e che in tutti i paesi sta accadendo la stessa cosa.”-Eric Emmour

In questo video tradotto, il filosofo e giornalista francese Eric Emmour è apparso nel programma “Face à l’Info” per discutere le pericolose rivolte di sinistra che si svolgono in tutto il mondo occidentale, in particolare in seguito alle orribili rivolte di Stoccarda,in Germania. I gruppi comunisti e islamici hanno unito le forze per fare la guerra in quella che egli chiama storicamente “famosa convergenza delle lotte”.

Emmour ha spiegato che i radicali di sinistra, l’Antifa e i migranti islamici si sono uniti nel loro sogno collettivo di “battere il capitalismo mondiale e battere i paesi occidentali bianchi”. Egli sottolinea che, pur essendo messo in scena in paesi così diversi, le rivolte hanno tutti lo stesso piano d’azione e assumono la stessa forma:

….basta guardare le immagini e abbassare il suono, OK, quindi se si guardano solo le immagini, si potrebbe immaginare che sia Stoccarda, ma potrebbe essere a Parigi. poi si potrebbe immaginare che sia Bruxelles, potrebbe essere a Londra, o potrebbe essere a Minneapolis. È la stessa cosa. Certo che è la stessa cosa, ovviamente è lo stesso movimento politico…

Come riportato alla RAIR Foundation USA, la tattica del coordinamento di sinistra e islamico ha un nome: l’Asse Rosso/Verde: “Comunisti e Suprematisti Islamici hanno una lunga storia di unione per distruggere il loro nemico comune: coloro che credono nella sovranità e nella libertà individuale”.
Al fine di raggiungere i propri obiettivi, si usano l’un l’altro fino a quando i loro obiettivi sono raggiunti, e solo in quel momento si “gireranno l’un contro l’altro e, alla fine, combatteranno per distruggere l’altro”.

L’esperto sostiene che esiste un coordinamento sistemico e continuo tra i due gruppi radicali per manipolare i migranti per scopi subdoli. Questo processo “richiede tempo”, ha spiegato. “Prima arrivano i [migranti]. Devono sistemarsi, devono essere accolti, ecc., iniziare una vita, ecc.”, ha detto, “e poi a poco a poco ti fanno conoscere il loro numero”. Man mano che il loro potere politico si espande, essi vengono “sfruttati dalla sinistra e dall’Antifa e così via”.

La teoria di Emmour è rafforzata dal fatto che politici di sinistra come la cancelliera Angela Merkel hanno inondato l’Occidente di migranti in Occidente. “In definitiva, c’è una connessione tra tutti. Lo vediamo tutti”, ha detto Emmour della strategia. “Questo significa che c’è una convergenza tra la sinistra, i razzisti, i neri e gli islamisti”, ha continuato.

Segmento televisivo di Emmour :

Trascrizione video

Ci è voluto molto tempo per i media per capirlo?

No, i media volevano solo lasciar passare molto tempo.

Come al solito, i media non volevano parlarne. Avevamo già avuto lo stesso con i disordini di Colonia, gli stupri a Colonia, ricordi? –

Nel 2015? –

Nel 2015, tutte quelle donne alla vigilia di Capodanno erano state violentate dai migranti.

Quindi lì, è la stessa cosa.

Ma immagina, guarda le immagini e abbassa il suono,

OK, quindi se guardi solo le immagini. Puoi immaginare che sia Stoccarda, ma potrebbe essere a Parigi. –

Sì.

Allora potresti immaginare che sia Bruxelles, potrebbe essere a Londra o potrebbe essere a Minneapolis.

È la stessa cosa. Ovviamente è la stessa cosa, ovviamente è la stesso movimento politico, e direi anche storico, intendendo l’intersezione,la famosa convergenza delle lotte è finalmente arrivata.

Ciò significa che la sinistra, l’Antifa, si sono alleati con i migranti. E queste persone, l’Antifa, la sinistra, che sognano di battere il capitalismo mondiale, che sognano di battere i paesi bianchi occidentali, è così che parlano. Hanno trovato il loro “proletariato” che
lancerà l’attacco contro quei paesi.

Significato, migranti africani, maghrebini, ecc.

Possiamo vedere che a poco a poco, la guerra di classe è diventata una guerra di razza. Tra civiltà.

Tra il mondo cristiano e il mondo islamico. Tutti possiamo vedere che sta succedendo e che in tutti i paesi stanno succedendo le stesse cose.

Perché stanno succedendo?

Perché abbiamo implementato la stessa politica ovunque. Nel 2015 la signora Merkel ha portato un milione di migranti dalla Siria, e con tutte le altre persone che si sono uniti a loro, i migranti del Maghreb si sono uniti e anche gli africani.

TV HOST Christine Kelly:
Eric Zemmour, d’altra parte, anche con tutti questi migranti, che tu
denunci, non ci sono state molte dimostrazioni di rivolte, saccheggi, tutto qui perché tutti sono sorpresi. –

Questo perché, devi capire, ci vuole tempo. Prima arrivano. Devono ottenere asilo ed essere sistemati, devono essere accolti, ecc., iniziare una vita, ecc., e poi a poco a poco ti fanno conoscere i loro numeri.

Sono sfruttati dalla sinistra e dall’Antifa e così via.

Alla fine, c’è una connessione tra tutti. Lo vediamo tutti. L’abbiamo visto in Francia con Traoré.
Ciò significa che c’è una convergenza tra la sinistra, i razzisti, i neri e gli islamisti.

Quindi deve essere la stessa cosa in Germania. Non ho nemmeno bisogno di andare lì e vedere.

Sono sicuro che è tutto uguale. È la stessa logica. –

TV HOST Christine Kelly:
Ma perché? Questo è quello che non capisco. Perché siamo abituati a questo tipo di rivolta e violenza in Francia, ma in Germania è così sorprendente? In Germania il paese è sotto shock.
I politici sono sotto shock. I politici dicono di non aver mai visto niente del genere. Perché ci è voluto così tanto tempo? –

Ti dirò perché.

Negli anni ’60 hnbbiamo avuto due tipi molto diversi di immigrazione; avevamo i turchi. Lavoratori turchi, che in Germania non sono diventati tedeschi, non avevano diritto a benefici statali, erano circoscritti nei loro quartieri e così via, ed erano sotto il controllo del governo turco.

Quindi tutto era molto controllato. Non avevamo il controllo di nulla.

Avevano il diritto di chiedere benefici. Hanno ricevuto la nazionalità francese.

C’era il governo algerino che voleva mantenere il controllo, ma alla fine non lo ha fatto, funzionava così.

Gli islamisti dagli anni ’80 agli anni ’90, in particolare negli anni ’90, hanno iniziato a piantare il loro credo in europa.

La Germania, oserei dire, è in ritardo. Quindi ovviamente ci siamo abituati. Abbiamo avuto i disordini nel 2005.
Abbiamo avuto altri scontri. Ci siamo abituati, perché siamo più avanti. Abbiamo la più importante Comunità musulmana in Europa. Gli islamisti hanno iniziato il loro lavoro in Francia molto presto.

Prima della Germania. Tariq Ramadan e i Fratelli musulmani. preferivano lavorare in Francia piuttosto che in Germania.

La Francia è stata al centro della loro azione negli ultimi 30 anni.

Per i tedeschi, è più recente. È stato accelerato dallo storico errore della Merkel, che ha ragionato con il pensiero di un economista che, sai, “tutti gli uomini sono consumatori o produttori”, quindi sono tedeschi biondi dagli occhi azzurri o siriani o algerini. Sono tutti uguali.
Lo saranno per far funzionare le fabbriche e per consumare, ebbene non funziona esattamente così.

Quindi, possiamo vedere cosa sta succedendo in quella contea.

Poi c’è la Svezia. In Svezia lo era la stessa cosa.
Le rivolte a Malmö. Una folle quantità di delinquenza.
L’esplosione di stupri.
Nel paese più saggio, il più silenzioso d’Europa.
Quindi, vedi, e poi, un’ultima cosa:

Ultima cosa, sto parlando della Svezia. È di progettazione. Come la Germania, non hanno colonizzato alcun paese.
Quindi non sono persone che devono pagare per la colonizzazione, eppure, l’hai detto tu stesso, sono le stesse immagini. Le stesse rivolte. La stessa violenza. Gli stessi movimenti. Le stesse facce.
La stessa cosa.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento