Migranti / Politica / World News

Francia: Macron potrebbe espellere i migranti coinvolti nella violenza di Digione

Francia: Macron potrebbe espellere i migranti coinvolti nella violenza di Digione

Secondo quanto riferito, il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto al suo ministero degli interni di esaminare la possibilità di espellere i cittadini stranieri coinvolti nella recente violenza che ha avuto luogo a Digione.

Dopo che lo scorso fine settimana centinaia di arabi ceceni e maghrebini – molti armati di armi automatiche, barre di ferro e altre armi mortali – si sono battuti per le strade di Digione, e le forze speciali francesi hanno dovuto intervenire per reprimere la violenza.

Secondo un rapporto di Le Figaro, tra i ceceni arrestati o identificati per aver preso parte alla violenza, la maggior parte ha lo status di rifugiato.

Martedì, il ministero dell’Interno ha dichiarato che “esaminerà sistematicamente la possibilità di espellere gli stranieri coinvolti” nella violenza etnica che ha avuto luogo a Digione tra i ceceni e quelli della comunità del Maghreb.

“La nostra risposta sarà estremamente ferma e il sistema [di polizia] sarà mantenuto, ha avvertito il Segretario di Stato al Ministro degli Interni Christophe Castaner.

Castaner ha aggiunto che sono state avviate indagini legali sugli incidenti violenti e che gli autori sarebbero stati “perseguiti e puniti severamente, in modo commisurato agli atti compiuti”.

La violenza diffusa a Digione è iniziata venerdì scorso dopo che gli spacciatori nordafricani hanno picchiato un ragazzo ceceno così gravemente che ha dovuto ricoverarsi in ospedale. Centinaia di ceceni provenienti da tutta la Francia si sono recati a Digione per vendicarsi dei nordafricani.

Secondo un rapporto del sito web di notizie francese Marianne, i rappresentanti delle comunità maghrebine e cecene di Digione si sono incontrati martedì presso il Centro culturale musulmano di Quétigny, al di fuori di Digione, per discutere di porre fine agli scontri violenti. Presumibilmente, le scuse sono state fatte e accettate tra le parti.

La gioventù musulmana di Francia in Borgogna ha confermato l’incontro in un comunicato stampa.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento