Islam / Migranti

FRANCIA: MUSULMANO ARRESTATO MENTRE TENTAVA DI COMPIERE UN ATTACCO ALLA SCUOLA EBRAICA E AL NEGOZIO DI ALIMENTARI KOSHER (video)

FRANCIA: MUSULMANO ARRESTATO MENTRE TENTAVA DI COMPIERE UN ATTACCO ALLA SCUOLA EBRAICA E AL NEGOZIO DI ALIMENTARI KOSHER (video)

La polizia francese ha arrestato il 60enne Medjadi Jahid che venerdì mattina ha tentato di attaccare una scuola ebraica di Marsiglia, in Francia.

L’uomo musulmano che indossava un “asciugamano intorno alla testa” è stato allontanato dalla sicurezza della Yavne School, che è composta da genitori che si offrono volontari per proteggere i bambini della scuola. Le forze di polizia francesi sono state immediatamente allertate e hanno rafforzato la sicurezza nei siti ebraici di tutta la città.

Dopo che la sicurezza della scuola ebraica lo ha allontanato, Jahid ha tentato di accoltellare gli acquirenti ebrei in un vicino supermercato kosher. Ancora una volta, a Jahid è stato impedito di attaccare chiunque dallo stesso personale di sicurezza volontario.

Secondo il media francese, La Provence, Jahid, non è stata considerata “compatibile con le misure di custodia” ed è stata immediatamente ricoverata in ospedale. Il procuratore della Repubblica di Marsiglia, Dominique Laurens, ha commentato che Jahid è stato recentemente rilasciato “per trattamento”.

In una decisione simile, un musulmano che ha picchiato brutalmente la sua vicina di casa di 65 anni prima di gettarla dalla finestra del suo appartamento al terzo piano uccidendola mentre urlava Allahu Akbar, è stato giudicato non colpevole a causa di una lieve intossicazione da marijuana. L’uomo è detenuto in un istituto di salute mentale fino a quando i swervizim sociali non lo riterranno idoneo a essere rilasciato di nuovo nella società.

Praticamente in ogni caso di attacchi jihadisti nell’Europa occidentale, politici e media nascondono l’identità degli aggressori. In rari casi in cui l’identità di un aggressore è trapelata, il sospetto viene presentato come potenzialmente affetto da problemi di salute mentale.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento