World News

Francia: Presidente dell’associazione pro-migrazione assassinato dal migrante che aveva ospitato

Francia: Presidente dell’associazione pro-migrazione assassinato dal migrante che aveva ospitato

La polizia francese ha arrestato un migrante afghano che si ritiene abbia ucciso il presidente di un’associazione che fornisce assistenza ai migranti e ai richiedenti asilo.

Jean Dussine, il presidente dell’organizzazione benefica pro-migrante Itinérance, è stato assassinato nella sua casa di Bretteville-en-Saire martedì. Alla polizia, dopo essere arrivati sul posto, è stato detto dai testimoni dell’attacco che il 21enne afghano aveva sopraffatto Dussine prima di picchiarlo a morte con una verga di metallo. Fonte Ouest France

Il richiedente asilo afghano che Dussine aveva ospitato nella sua casa è stato prontamente arrestato. Attualmente è in custodia della polizia alla gendarmeria di Cherbourg ed è stato accusato di omicidio intenzionale. . Al momento, la polizia non sa cosa abbia potuto motivare il migrante ad uccidere l’uomo che era stato così gentile da ospitarlo nella propria casa.

Jean Dussine, 63 anni, era un insegnante in pensione ed ex direttore della scuola di Gonneville Manche, un dipartimento costiero in Normandia. Era presidente di Itinérance dal 2016 e ha ospitato più di un migrante nella sua casa.

In Francia, il mese di maggio ha visto una serie di crimini particolarmente strazianti che sono stati commessi dai migranti.

La settimana scorsa, un richiedente asilo sudanese è stato arrestato per aver accoltellato quattro senzatetto per le strade di Tolosa.

All’inizio di questa settimana, la polizia di Parigi ha arrestato un’assistente infermieristico congolese per lo stupro di una donna di 92 anni che viveva nella casa di cura dove lavorava.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento