Islam / World News

Francia: Tariq Ramadan multato per aver rivelato il nome della donna che lo accusa di stupro

Francia: Tariq Ramadan multato per aver rivelato il nome della donna che lo accusa di stupro

PARIGI (AFP) – Un tribunale di Parigi venerdì ha multato lo studioso islamico Tariq Ramadan per aver rivelato il nome di una delle diverse donne che lo hanno accusato di stupro, violando una legge francese che protegge le presunte vittime da “ritorsioni e molestie”.

Ramadan, che nega le cinque accuse di stupro contro di lui, è stato multato di 3.000 euro, con 2.000 euro sospesi, per aver rivelato il nome completo della donna in un libro del 2019 e durante un’intervista televisiva.

La donna, conosciuta dai media francesi solo come “Christelle”, dice che Ramadan l’ha violentata in una stanza d’albergo a Lione, nel sud-est della Francia, nel 2009.

La sua accusa è arrivata poco dopo che un’altra donna, l’attivista femminista Henda Ayari, lo ha accusato di stupro. Tali affermazioni sono state poi seguite da accuse di stupro da parte di altre due donne.

Ramadan, il cui nonno ha fondato i Fratelli Musulmani d’Egitto, è stato professore all’Università di Oxford fino a quando non è stato costretto a prendere congedo quando le accuse di stupro sono emerse al culmine del movimento “Me Too” nel 2017.

Il mese scorso, i pubblici ministeri hanno presentato una quinta accusa di stupro contro di lui, che riguarda una presunta aggressione contro Mounia Rabbouj, un’ex escort.

La sua testimonianza aveva costretto Ramadan, padre di quattro figli, ad ammettere per la prima volta relazioni extraconiugali, ma sottolineò che erano “consensuali”.

Venerdì, Ramadan e l’editore del suo libro sono stati condannati a pagare “Christelle” 5.000 euro in danni e interessi.

Aveva sostenuto in tribunale che, dopo non aver fermato la pubblicazione del libro, la divulgazione del suo nome era diventata “la pietra angolare” di una campagna di molestie contro di lei da parte dei sostenitori del Ramadan.

I suoi avvocati hanno detto che avrebbero impugnato la sentenza.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento