Politica / World News

Francia: un alto funzionario del governo sostiene che l’applicazione della quarantena nelle aree migranti dovrebbe “non essere obbligatoria” per evitare rivolte

Francia: un alto funzionario del governo sostiene che l’applicazione della quarantena nelle aree migranti dovrebbe “non essere obbligatoria” per evitare rivolte

In Francia, un alto funzionario del governo di Macron ha affermato che, a differenza delle rigide misure che sono state imposte alla stragrande maggioranza della popolazione del paese, l’applicazione della quarantena non dovrebbe essere applicata in aree fortemente popolate di migranti per evitare disordini.

“Non è una priorità far rispettare le chiusure in alcuni quartieri e fermare le riunioni”, ha detto il segretario di Stato francese al Ministero degli Interni Laurent Nunez in una lettera trapelata al Le Cenard Enchaine, il settimanale francese Valeurs Actuelles .

In una videoconferenza, Nunez ha sostenuto che la limitazione del movimento di coloro che vivono in quelle che sono ampiamente definite “aree vietate” potrebbe innescare un disordine sociale violento se applicato con troppo vigore.

Il collega di Nunez, anche lui presente alla videoconferenza, ha convenuto che le aziende in queste cosiddette “aree vietate” dovrebbero essere tenute aperte per aiutare la “mediazione sociale”.

La scorsa settimana la polizia nelle zone vietate a Parigi aveva già avutio problemi a far rispettare le misure di quarantena del paese.

Un ufficiale di polizia assegnato al famigerato sobborgo di Saint-Denis ha riferito ai media locali che molti dei migranti che vivono in queste aree credono che la pandemia stessa sia una storia inventata dai bianchi allo scopo di opprimerli.

“Non capiscono niente”, ha detto il poliziotto. “Alcuni di loro stanno addirittura dicendo che il virus è una favola inventata dai bianchi per costringerli a non andare per strada”.

Giorni prima sono emerse delle riprese video che mostrano una donna africana a Château Rouge, nel 18 ° arrondissement, diventata aggressiva e bellicosa dopo essere stata avvicinata dalla polizia che le contestava di non rispettare le misure di quarantena.

“Fammi avere il coronavirus! Lo avrai anche tu! ” la donna africana grida alla polizia mentre gli tossisce intenzionalmente e selvaggiamente in faccia.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento