Islam / World News

Francia: Un uomo arrestato dopo aver gridato “Allahu Akbar” durante lo screening diJoker

Francia: Un uomo arrestato dopo aver gridato “Allahu Akbar” durante lo screening diJoker

Un uomo ha urlato “Allah hu Akbar” in un cinema di Parigi nel corso di una proiezione di Joker è stato arrestato per aver causato panico tra gli spettatori che sono fuggiti in preda al terrore.

L’incidente è avvenuto Domenica sera presso il complesso Grand Rex, presumibilmente il “più grande cinema d’Europa”, e ha visto l’uomo gridare la frase che è comunemente detta prima degli attacchi terroristici, causando negli spettatori panico e confusione. Fonte: Le Parisien.

Una testimone ha raccontato al giornale francese che un uomo, ha gridato più volte che il film era ‘politicizzato‘. Mentre, all’inizio, la gente rideva, qualcuno tra il pubblico ha detto all’uomo di stare zitto.

Successivamente, l’uomo è salito sulla sedia, ha messo le mani sul petto, e ha gridato: “Allah hu Akbar” – una frase comunemente pronunciata da terroristi prima di sferrari i loro attacchi mortali.

Il pubblico presente, preso dal panico, ha cercato di lasciare il locale ma le porte erano chiuse a chiave. Un testimone ha detto che alcune persone piangevano e una mamma cercava disperatamente la figlia.

C’è stato il panico totale, queste sono immagini che non dimenticherò, la gente saliva sopra le sedie. Le donne cadevano sul pavimento, e altri le scavalcavano “..

Alcuni degli spettatori hanno tentato di trattenere il folle, che è riuscito a fuggire. Successivamente è stato rintracciato e arrestato dalla polizia non lontano dal cinema. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di “provocare atti di terrorismo”.

Una fonte vicina alle indagini ha detto a Le Parisien che l’arrestato è stato rilasciato la sera di Lunedi “a seguito di una revisione del suo comportamento”, . La stessa fonte ha detto che l’uomo è stato giudicato come “un po’ disturbato”.

Dopo il suo rilascio, è stato ricoverato al reparto psichiatrico del quartier generale della polizia.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento