Migranti / Politica / World News

Francoforte, Germania: “Make Israel free of Jews” – La dimostrazione per l’accoglienza dei rifugiati provenienti da Moria si intensifica con slogan di odio antisemita

Francoforte, Germania: “Make Israel free of Jews” – La dimostrazione per l’accoglienza dei rifugiati provenienti da Moria si intensifica con slogan di odio antisemita

I raduni a favore dell’accoglienza illimitata e immediata di tutti gli immigrati dalla Grecia sono sempre più infiltrati da estremisti di sinistra (migranti) ed estremisti antisemiti. Questo è diventato molto evidente lo scorso fine settimana durante una dimostrazione a Francoforte.

Il Tweet proviene dal noto giornalista televisivo, autore, editore, regista e corrispondente di guerra, D’ente Tekkal.

Lei twitta:

“Dove si gridano slogan antisemiti, non parteciperei mai. Poiché non sono l’unico a farlo, ciò danneggia la causa di una politica dei rifugiati più umana. Dopo l’attacco allo studente ebreo ad Amburgo, tali incidenti intensificano la sensazione di essere minacciati.”

Il motivo di questo chiaro posizionamento:
durante la marcia di benvenuto dei rifugiati in occasione di Moria/Lesbo, non solo si potevano vedere bandiere nazionaliste, ma si potevano sentire anche slogan antisemiti: “Libera Palestina-Dal fiume al mare” implica che l’intero Israele dovrebbe essere reso “libero dagli ebrei”.

Altri partecipanti riferiscono anche di “Israele ebrei liberi” grida alla “Marcia Moria” a Francoforte.

Il video di Twitter sembra essere un estratto di un video più lungo pubblicato su Instagram e successivamente cancellato

Ahmad Mansour sul comportamento di questi attivisti:
“La loro solidarietà internazionale è selettiva. Non è per carità ai rifugiati, ma perché li fa sentire più morali. Per gli ebrei in Israele questa solidarietà non è intesa. Nemmeno se sono minacciati quotidianamente dal terrore e dai razzi”.

Almeno questo solleva la domanda:
Qual è il vostro atteggiamento nei confronti di questo antisemitismo, voi attivisti pro rifugiati, “Seebràcke”, “Migrantifa” ed Enissa Amani?
E se chiaramente disapprovate, allora per favore ditelo chiaramente. Senza una tale presa di posizione, si potrebbe avere l’impressione che siate a favore di tali ideologie all’interno del movimento di “benvenuto rifugiato!”

E, naturalmente, Malca Goldstein-Wolf ha ragione quando chiede: “Cos’altro deve realmente accadere in modo che l’antisemitismo di sinistra e musulmano diventi un argomento per il “Tagesschau”?

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento