Opinioni / World News

George Floyd NON era un santo

George Floyd NON era un santo

MSM è impegnato a ritrarre Floyd come un santo che è stato sottoposto a violenza della polizia. Quest’ultima cosa è corretta e non può essere giustificata. Ma il santo-up di Floyd è sbagliato

Questo articolo è stato preso da Uriasposten perché fornisce un’immagine sfumata di Floyd:

Maggiori informazioni su Floyd:
È stato precedentemente condannato per rapina a mano armata, “… ha puntato una pistola allo stomaco di una madre incinta”

George Floyd, sospettato di aver pagato con una banconota da 20 dollari falsa, era in arresto sotto l’effetto della droga. La sua vita include una rapina in una casa in cui ha minacciato una donna incinta con una pistola.

“La polizia è stata chiamata in un negozio di alimentari che ha affermato che il signor Floyd aveva usato un assegno falso per comprare sigarette. Dopo che il signor Floyd ha resistito all’arresto,gli agenti lo hanno trascinato dalla sua auto e lo hanno costretto a terra.” (Il Sole, 4 giugno 2020)

(George Floyd, tra le altre cose, condannato per aver minacciato una donna incinta; Foto: Twitter)

Owens osserva che Floyd era strafatto di fentanil e metanfetamina al momento della sua morte, secondo il rapporto dell’autopsia, e continua a citare il suo record che include pene detentive nel 1998, 2002, 2004, 2005 e 2007.
Nel 2007, continua, stava partecipando a un’invasione domestica armata contro una donna afroamericana incinta, dove Floyd aveva puntato una pistola allo stomaco della donna incinta.” (Candace Owens cit., The Federalist, 4 giugno 2020)

Poi c’è un dettaglio che è completamente scomparso nella copertura mediatica. I quattro ufficiali non provengono da una filiale locale del KKK, ma sono una sezione eterogenea degli Stati Uniti multiculturali. Uno si è precedentemente offerto volontario con i rifugiati somali.

(I quattro ufficiali: Derek Chauvin, J. Alexander Kueng, Thomas Kiernan Lane e Tou Thao; Foto: NY Post)

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento