Islam / Migranti / Politica

Germania: Alcuni siriani commettono attacco antisemita a negozio Israeliano, i politici di sinistra restano in silenzio

Germania: Alcuni siriani commettono attacco antisemita a negozio Israeliano, i politici di sinistra restano in silenzio

Dov’è la protesta degli ipocriti politici come Maas, Baerbock, Roth e simili? Si dice che due “giovani” abbiano distrutto la vetrina di un negozio israeliano a Hof per motivi antisemita.

Dopo che alla fine di maggio la vetrina di un negozio di manufatti religiosi israeliti è stata distrutta nel centro della città di Hof, la polizia sta ancora riflettendo se questo può essere un crimine politicamente motivato.

In un’intervista all’emittente radiofonica BR, il proprietario del negozio ha escluso la possibilità di un incidente, in quanto non vi erano tracce di un evento del genere. Ha parlato di danni intenzionali alla proprietà, che – secondo BR – avrebbero potuto “motivare” l’autore dell’attacco a causa della recente “escalation del conflitto Israele-Palestina” – intesa qui dall’emittente pubblica BR è l’attacco dell’organizzazione terroristica Hamas contro Israele.

Ora è chiaro chi fosse l’obiettivo qui, chi è stato spinto e chi ha dato libero sfogo al loro odio per gli ebrei: secondo la polizia, due siriani di 17 anni di origine palestinese hanno confessato di aver distrutto le vetrine del negozio, che esiste da 33 anni, per motivi antisemiti. Come riporta il quotidiano Bild, i due immigrati antisemiti dovranno affrontare solo accuse di danneggiamento di proprietà. La loro azione antisemita sarà presumibilmente – come è accaduto finora – classificata come “atti di violenza di destra”.

Heiko Maas, Claudia Roth e altri presunti combattenti per l’odio ebreo non hanno ancora detto una parola sull’attacco.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento