Islam / Migranti / Politica

Germania: Ha urlato ‘Allahu Akbar’ prima di investire i motociclisti, ma gli ‘esperti’ ora sostengono che non si tratta di terrorismo

Germania: Ha urlato ‘Allahu Akbar’ prima di investire i motociclisti, ma gli ‘esperti’ ora sostengono che non si tratta di terrorismo

Un richiedente asilo iracheno che l’estate scorsa ha falciato un certo numero di motoclisti sull’autostrada tedesca — ferendo sei persone, tre delle quali in modo grave — è stato ritenuto malato di mente dalle autorità e quindi non può essere ritenuto legalmente responsabile dei suoi crimini.

Inizialmente, gli investigatori presumevano che l’autore, il 30enne richiedente asilo iracheno Sarmad A., fosse stato motivato da un’ideologia islamista. Secondo il procuratore generale Margarete Koppers, in seguito all’attacco, avvenuto sull’autostrada A 100 lo scorso agosto, Sarmad A. ha schiantato la sua Opel Astra nera a un’uscita autostradale dopo aver effettuato gli attacchi, è sceso dal suo veicolo, ha arrotolato un tappeto di preghiera e ha gridato “Allahu Akbar”, e ha dichiarato che tutti sarebbero morti, riferisce Berliner Zeitung .

Poco dopo, la polizia arrivò sul posto e Sarmad A. fu arrestato e preso in custodia. Dopo aver perquisto il suo veicolo, le autorità scoprirono una vecchia scatola di munizioni che conteneva vari strumenti e un Corano.

Ora, quasi otto mesi dopo il presunto attacco a sfondo islamista nell’autostrada della città di Berlino, il processo del sospetto dovrebbe iniziare alla fine di questo mese. Sarmad. A., è accusato di tentato omicidio, lesioni personali pericolose, resistenza alle forze dell’ordine, danneggiamento della proprietà, abbandono dal luogo dell’ incidente e pericolose interferenze nel traffico stradale.

Un’auto e una moto si trovano sull’autostrada A100 della città dopo un attacco terroristico a Berlino, in Germania, mercoledì 19 agosto 2020

Secondo la corte, Sarmad ha deciso l’atto il 18 agosto 2020, per uccidere persone a caso per “motivi religiosi e islamisti deliranti”.

Tuttavia, nonostante la lunga lista di gravi accuse mosse contro di lui, Si dice che Sarmad A. non sia affatto colpevole dei reati e, in tal caso – solo in misura limitata – dal momento che è stato considerato malato di mente da “esperti”. In quest’ottica, la procura mira a che il richiedente asilo iracheno sia ricoverato in un ospedale psichiatrico, poiché non è più possibile ottenere una condanna che porterebbe alla detenzione all’interno di una prigione.

Sarmad A. è nato originariamente a Baghdad, in Iraq, e proviene da una famiglia sciita. Si dice che abbia studiato in Iraq prima di fuggire dalla sua casa per l’Europa nell’estate del 2015. Prima di arrivare in Germania, Sarmad ha attrevarsato la Turchia, Grecia, Finlandia e Svezia.

Inizialmente, al suo arrivo in Germania, Sarmad è stato ospitato in un alloggio condiviso a Berlino. Più tardi, si è trasferito in un condominio a Reinickendorf fino al suo arresto. In Germania, si dice che Sarmad si sia sempre più trasformato in un islamista radicale.

Il processo al richiedente asilo iracheno è previsto per il 15 aprile 2021 e dovrebbe durare 30 giorni. Il verdetto del caso sarà annunciato alla fine di settembre.

Negli ultimi anni, la Germania ha assistito a una serie di casi che hanno coinvolto migranti mediorientale che hanno intenzionalmente speronati veicoli o pedoni.

Nell’ottobre 2019, un migrante siriano di 32 anni ha trasformato il camion che aveva appena rubato in un’arma mortale quando ha deciso di speronare diversi altri veicoli nella città tedesca del Limburgo. Sette auto e un furgone sono stati distruttia causa del violento impatto. Un totale di otto occupanti dei veicoli sono rimasti feriti insieme allo stesso terrorista, ha riferito il portale di notizie tedesco Focus Online.

Nel 2016, un richiedente asilo tunisino, su istruzioni dell’ISIS,ha speronato un camion in un mercatino di Natale di Berlino, uccidendo 12 persone e ferendone 56.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento