Migranti / Politica / World News

Germania: I migranti aggrediscono la polizia mentre prende un richiedente asilo in custodia

Germania: I migranti aggrediscono la polizia mentre prende un richiedente asilo in custodia

Sabato una gran folla ha aggredito gli agenti di polizia in Germania mentre tentavano di portare un migrante in custodia.
La folla di migranti ha accusato la polizia di essere razzista e ha fatto riferimento a George Floyd.
Il giorno seguente si è tenuta una protesta contro l’arresto.
La polizia dice di non aver mai visto niente di simile prima d’ora.

L’incidente è avvenuto sabato sera a Kesselbrink, Bielefeld, nel nord-ovest della Germania. Sei uomini erano seduti sulla terrazza di un ristorante che era già chiuso in una zona nota per lo spaccio di droga illecita. Due dei sei uomini erano già noti alla polizia per reati di droga. Il gruppo stava facendo molto rumore e littering, secondo un rapporto di Junge Freiheit.

Una pattuglia della polizia ha quindi deciso di controllare le identità delle persone del gruppo. Mentre controllavano l’identità di un richiedente asilo di 23 anni del Burkina Faso, questi ha cominciato a resistere agli ufficiali, colpendoli e calciandoli.

Mentre gli ufficiali prendevano l’uomo in custodia, una folla di circa 50 persone li ha circondati. Alcuni migranti hanno accusato gli ufficiali di razzismo e hanno fatto riferimento a George Floyd, l’uomo nero morto mentre veniva preso in custodia della polizia negli Stati Uniti due settimane fa. .

Il gruppo ha iniziato quindi a lanciare bottiglie contro gli ufficiali. Quando alcuni hanno preso delle sedie minacciando di colpire gli ufficiali, un poliziotto ha tirato fuori la pistola per tenerli a bada. Sono arrivati più di 30 ufficiali di polizia come rinforzo, ma la folla di migranti ha continuato ad aggredirli. Alla fine la polizia ha usato il gas lacrimogeni per disperdere la folla. Due agenti sono rimasti feriti e due migranti arrestati.

Lo spacciatore migrante ha accusato la polizia di averlo arrestato arbitrariamente.

Il gruppo Antifa AG dell’Università di Bielefeld ha organizzato una dimostrazione il giorno successivo.
Domencia all’evento hanno partecipato circa 800 manifestanti, protestando per l’arresto del “povero” migrante e accusando la polizia di razzismo e brutalità.

“Non abbiamo mai visto niente di simile prima d’ora”, ha detto un rappresentante della polizia di Bielefeld a Junge Freiheit.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento