World News

Germania: L’uomo che ha fatto a pezzi la moglie con un’ascia in strada ha una storia di migrazione tunisina musulmana

Germania: L’uomo che ha fatto a pezzi la moglie con un’ascia in strada ha una storia di migrazione tunisina musulmana

Poliziotti e vigili del fuoco che hanno visto molte cose orribili sono rimasti inorriditi.

I soccorritori sono terrorizzati. Gli abitanti del quartiere sono rimasti scioccati. Questo crimine sanguinoso è particolarmente crudele nel suo corso e nella sua brutalità.

Dietro una macchina demolita schiacciata contro una parete di una casa c’è una donna con il cranio fracassato e fatta a pezzi..

Alle otto del mattino, un uomo di 34 anni, sta cercando sua moglie in via Weiersteinstraße, a circa 300 metri dalla stazione ferroviaria. E’ seduto nella sua Audi nera. Alle 08:25 la individua sul marciapiede, accelera e guida la sua auto direttamente sulla donna di 31 anni.

La macchina trascina la vittima per altri 30 metri fino all’altra parte della strada, poi attraversa il parcheggio della corporazione degli artigiani del quartiere e attraversa un cancello di metallo pesante aperto, e, infine, si blocca contro la parete di una costruzione.

Quello che accade subito dopo ha dell’incredibile, l’uomo scende dall’auto con molta calma e con in mano  un’ ascia e colpisce la donna alla testa per cinque volte.

La scena incredibile è filmata da testimoni oculari e viene dopo pochi minuti pubblicata sui social network.

L’autopsia deve ancora chiarire se la donna era ancora in vita prima di essere colpiata con l’ascia.

Una pattuglia della polizia, che transitava nelle vicinanze, è rapidamente sulla scena. Gli ufficiali tirano fuori le armi e l’uomo viene arrestato senza resistenza.

Secondo il giornale FNP, i coniugi coinvolti in questo caso erano separati da qualche tempo.

La moglie ha vissuto con i suoi due figli in un riparo per le donne a circa 70 km da Limburg.

L’uomo con radici tunisine è nato e cresciuto in Germania, la donna tunisina è stata un insegnante negli uffici del Welfare.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento