World News

Germania: Mamma con bambino in braccio uccisa a colpi di bottiglia da Afghano

Germania: Mamma con bambino in braccio uccisa a colpi di bottiglia da Afghano

Quando la donna è stata trovata sdraiata a terra con il cranio fracassato, il bambino giaceva accanto a lei” …

Brutale assassinio di una madre tedesca da parte di un afgano nell’area ricreativa Auwald a Lipsia in pieno giorno.

La donna di 37 anni, con il suo bambino tra le braccia, è stata uccisa con una bottiglia dall’immigrato mercoledì mattina verso le 11:40 sulla Neue Linie, un sentiero forestale nel sud di Lipsia.

Venerdì Santo, il suo martirio in un’unità di terapia intensiva di Lipsia è finito con la sua morte, nonostante le cure mediche intensive iniziate il giorno del delitto.

L’autore – secondo i primi risultati era il suo ex fidanzato – è stato in grado di fuggire ma giovedì pomeriggio il trentenne è stato arrestato.

L’imputato è nato in Afghanistan e, naturalmente, ha la cittadinanza tedesca. Secondo la stampa mainstream “vittima e carnefice sono tedeschi”.

Sembra che l’afghano abbia molestato la sua ex ragazza in passato. È stato indagato – come al solito in tali relazioni – per stalking.

L’assassino di cui non è stato ancora divulgato il nome “è fuggito” in Germania da piccolo.

Il bambino è al sicuro e viene curato.

“L’identità della vittima non è ancora stata chiarita senza alcun dubbio”, ha spiegato il portavoce della polizia Alexander Bertram, nonché il motivo e il corso esatto dell’aggressione.
“Ulteriori informazioni sul presunto corso degli eventi e sui possibili retroscena del reato non possono essere fornite al momento alla luce delle indagini in corso”.

I testimoni hanno riferito che la vittima è stata uccisa con una bottiglia di birra. Le indagini della procura e della polizia contro l’afgano di 30 anni continuano “si sospetta l’omicidio”, in quanto il “presunto” autore ha soddisfatto il criterio di insidiosità.

Insidiosa, tuttavia, è la copertura mediatica tradizionale della brutale sanguinosa azione di un autore dell’Hindu Kush, mentre le forze armate tedesche difendono la “nostra libertà” da anni con miliardi di euro e un alto numero di morti di soldati tedeschi assassinati. In modo submesso, la maggior parte dei media tradizionali ha coperto i dettagli del crimine – come sempre.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento