Islam / Migranti / Politica

GERMANIA: MIGRANTE SIRIANO ACCOLTELLA POLITICO AFD – IL PROCURATORE LO LIBERA IMMEDIATAMENTE (video)

GERMANIA: MIGRANTE SIRIANO ACCOLTELLA POLITICO AFD – IL PROCURATORE LO LIBERA IMMEDIATAMENTE (video)

Il 18 novembre 2020, un politico di Alternative für Deutschland (AfD), Alexander Arpaschi, è stato brutalmente accoltellato da un migrante siriano di 23 anni che risiedeva in un appartamento in affitto agli studenti di Karlsruhe, in Germania. Al fine di proteggere le giovani donne, il signor Arpaschi è andato pera sfrattare il migrante dopo aver ricevuto diverse lamentele dalle sue inquiline che lamentavano di essere molestate sessualmente dal siriano.

Quando il signor Arpaschi, che era accompagnato da due persone, ha informato il migrante dello sfratto, il migrante siriano ha preso un oggetto appuntito e lo ha quasi ucciso. Il colpo inferto ad Arpaschi ha rotto il muscolo bicipite, ha reciso l’arteria nella parte superiore sinistra del braccio, ha slogato l’articolazione sull’anulare e ha strappato i legamenti. Arpaschi ha subitio abrasioni, lividi e un altro taglio all’avambraccio destro. È stato trasportato d’urgenza in ospedale e ha dovuto sottoporsi a un intervento chirurgico d’urgenza a causa dell’attacco quasi mortale.

Il politico 50enne è stato candidato alle ultime elezioni del consiglio comunale e attualmente lavora per il partito nell’ufficio di Bruxelles dell’eurodeputato Joachim Kuhhs. Come per molti migranti criminali, il siriano è già noto alla polizia. Le procura di Karlsruhe invece di tenere agli arresti il pericoloso migrante, lo ha liberato. Il migrante è stato rilasciato dalla polizia nello stesso momento in cui Arpaschi si è svegliato dall’anestesia dopo l’intervento d’urgenza.

Il sistema giudiziario tedesco di sinistra ha ripetutamente dimostrato di non adottare misure serie per proteggere i propri cittadini dagli atti di violenza da parte dei migranti. Il governo della cancelliera Angela Merkel sembra più interessato a perseguire e molestare chi viola il blocco del coronavirus e coloro che criticano le sue politiche suicida di frontiere aperte.

L’attacco dei politici dell’AfD e dei loro sostenitori è diventato un luogo comune in Germania. L’AfD ha subito migliaia di attacchi criminali contro le loro istituzioni e membri della sinistra e suprematisti islamici. Gli attacchi vanno da incendi dolosi, molestie, intimidazioni, doxing, incidenze nelle loro case, furti, tentativi di assassinio e annullamento delle principali convenzioni politiche dell’AfD con minacce e intimidazioni. L’anno scorso, un sito web antifa “Indymedia” ha persino pubblicato “istruzioni per l’assassinio” per attacchi ai membri dell’AfD.

Nonostante il pericolo di attacchi all’AfD, politici come Merkel e i suoi media sono stati comprensivi con questi radicali e hanno difeso, minimizzato e nascosto la loro violenza. Ancora più terrificante. come vediamo nel caso di Alexander Arpaschi, li rilasciano immediatamente tra i cittadini dove potrebbero potenzialmente attaccare più persone innocenti. I criminali violenti vengono importati in Germania con il pretesto della protezione, e le autorità ignorano i loro crimini prendendo di mira coloro che espongono il pericolo che rappresentano.

Il seguente video pubblicato da Alexander Arpaschi descrive in dettaglio il violento attacco alla sua vita. Arpaschi ha girato questo vkideo mentre giaceva nel suo letto d’ospedale:

Traduzione video:

Il mio nome è Alexander Arpaschi. Ho 50 anni.

Oggi è il 18 novembre 2020.

Sono stato ricoverato all’ospedale municipale della città di Karlsruhe in Moltkestraße.

Ieri, 17 novembre alle 10:30, sono arrivato in un appartamento condiviso con la mia palazzina di cui sono manager e manutentore. Affitto questo appartamento a studenti. Ero lì per consegnare l’immediato avviso di sfratto a un occupante siriano, perché stava molestando le altre occupanti donne dell’appartamento.

Le ragazze mi avevano presentato reclami su di lui e ho tentato di risolvere il problema.

Durante la mia visita sono stato aggredito. Il siriano mi è venuto incontro con un oggetto appuntito.

La polizia non mi ha ancora informato di cosa si trattasse. O era un coltello o un frammento di vetro.

Ha reciso il mio muscolo bicipite e ha reciso un’arteria.

Ho avuto un’articolazione del dito lussata insieme a molte altre abrasioni e contusioni su tutto il mio corpo.

Da questo incidente, ciò che mi rende più furioso è il fatto che mentre sono costretto in ospedale con un laccio emostatico che quasi mi ha fatto perdere il braccio, e dopo aver subito un’operazione di emergenza, mi sveglio più tardi nel pomeriggio, per scoprire che il criminale siriano è libero.
La procura di Karlsruhe ha ordinato alla polizia di rilasciare il mio aggressore.

Non so in che tipo di sistema stiamo vivendo, ma è garantito che è quello sbagliato.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento