Politica / World News

Germania: partito AfD anti-immigrazione etichettato come “caso sospetto”. Si apre la strada alla sorveglianza di massa dei membri in Sassonia-Anhalt

Germania: partito AfD anti-immigrazione etichettato come “caso sospetto”. Si apre la strada alla sorveglianza di massa dei membri in Sassonia-Anhalt

Con un colpo dato alle libertà civili, i servizi di intelligence sono liberi di monitorare i 2.200 membri di Alternative for Germany (AfD), comprese le loro comunicazioni personali

In un caso che solleva interrogativi sulle libertà civili e le norme democratiche in Germania, l’Ufficio per la protezione della Costituzione in Sassonia-Anhalt ha classificato il partito Alternative for Germany (AfD) come un “caso sospetto”, il che significa che i servizi segreti tedeschi sono autorizzati a mettere i 2.200 membri del partito nello Stato orientale sotto estrema sorveglianza.

Come ha riferito la Mitteldeutsche Zeitung, questa sorveglianza include, tra le altre cose, il reclutamento e l’uso di informatori, il monitoraggio dei flussi finanziari, nonché intercettazioni, letture e monitoraggio della comunicazione di membri e funzionari dell’AfD.

Dopo la Turingia e il Brandeburgo, la Sassonia-Anhalt è il terzo Stato in cui il partito sarà osservato dall’Ufficio per la protezione della Costituzione come un “caso sospetto”, secondo Junge Freiheit. In tutti e tre gli Stati orientali il sostegno all’AfD è il più forte in Germania. Il rapporto indica che questo status è in vigore dal 12 gennaio. Come motivo della sua decisione, l’Ufficio ha accusato l’AfD della Sassonia-Anhalt di aver leso la dignità umana e di aver respinto lo Stato di diritto democratico.

Allo stesso tempo, ci si aspetta che la mossa abbia un effetto agghiacciante sul partito e intimidisca i suoi sostenitori, in particolare i membri che ora dovrebbero temere un monitoraggio costante delle loro comunicazioni private. Mentre l’AfD ottiene solo il 10% dei consensi nei sondaggi a livello nazionale, in Sassonia-Anhalt, il partito ha guadagnato oltre il 27% alle elezioni del 2019, rendendolo il secondo partito più forte.

Si teme che l’establishment tedesco possa usare la minaccia del monitoraggio per mettere a tacere il dissenso del partito più nettamente contrario a una maggiore immigrazione. I sondaggi hanno dimostrato che quando la questione della migrazione è suddivisa tra migrazione UE e non UE, i tedeschi non sono così accoglienti come comunemente descritto. Un importante sondaggio del barometro dell’UE, ad esempio, ha mostrato che i tedeschi sono più contrari alla migrazione extra-UE che solidali, con il 48% che afferma di essere contrario alla migrazione extra-UE, mentre il 44% l’ha sostenuta, una scoperta che non è cambiata molto dal 2015. Nel 2017, la maggioranza dei tedeschi ha dichiarato di non poter accogliere altri rifugiati e un importante sondaggio YouGov quest’anno ha rilevato che il 63% dei tedeschi non si fida del proprio governo sulla migrazione e il 61% si sente “insicuro” a causa della migrazione. Un altro 38% lo ha elencato come la principale minaccia per la sicurezza che l’UE deve affrontare.

Alexander Gauland e Alice Weidel, i due presidenti del gruppo parlamentare del partito nazionalista Alternativa per la Germania, parlano ai media a Berlino, in Germania, mercoledì 27 settembre 2017

Secondo lo studio televisivo ARD-Hauptstadtstudio, la decisione di mettere l’AfD sotto sorveglianza non è una sorpresa dopo che il partito ha eletto il membro del parlamento federale Hans-Thomas Tillschneider all’esecutivo statale alla conferenza del partito a Dessau lo scorso autunno. Tillscheider è considerato uno dei principali rappresentanti del ramo di destra ufficialmente sciolto di AfD. Il partito AfD è la più grande fazione di opposizione nel parlamento statale di Magdeburgo in Sassonia-Anhalt.

La riclassificazione dell’AfD da parte dell’Ufficio per la protezione della Costituzione è imminente anche a livello federale. Secondo diverse relazioni, l’Ufficio intende designare l’intera parte come un “caso sospetto”. Tuttavia, l’AfD sta facendo causa a questa mozione. Come è stato rivelato lunedì, l’Ufficio federale ha rilasciato una dichiarazione di standstill per non rendere pubblica la sua decisione sull’AfD fino a quando il Tribunale amministrativo di Colonia non avrà deciso in merito.

La settimana scorsa, una relazione intermedia dell’Ufficio di Berlino per la protezione della Costituzione è stata presentata in prima pagina. Nella relazione, l’Ufficio ha affermato che “nell’esame globale dei documenti e delle conclusioni elencate, non vi sono sufficienti indicazioni di sforzi anticostituzionali da parte dell’AfD di Berlino che potrebbero giustificarne una classificazione come caso sospetto”.

Dopo che la relazione è diventata pubblica, il Dipartimento degli affari interni del Senato di Berlino ha annunciato che, tra le altre cose, saranno presentate accuse penali contro ignoti per aver rivelato informazioni riservate. Il capo responsabile del servizio dell’Ufficio è stato licenziato. Inoltre, la relazione intermedia contiene presumibilmente errori metodologici e inadeguatezze tecniche.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento