Islam / World News

Germania: Quattro cittadini tagiki arrestati per terrorismo

Germania: Quattro cittadini tagiki arrestati per terrorismo

La polizia antiterrorismo tedesca ha arrestato quattro cittadini tagiki sospettati di aver complottato attacchi terroristici contro basi militari americane in Germania.

I membri di una cellula dello Stato Islamico sono stati arrestati durante un raid condotto all’alba in varie località dello stato occidentale della Renania Settentrionale-Vestfalia.
Gli uomini, tutti cittadini del Tagikistan, sono stati identificati solo con i loro nomi: Azizjon B., Muhammadali G., Farhodshoh K. e Sunatullokh K.

Il presunto leader del gruppo, un tagiko di 30 anni identificato come Ravsan B., è stato in prigione negli ultimi 12 mesi con l’accusa di detenzione illegale di armi da fuoco.

I pubblici ministeri federali tedeschi sostengono che gli uomini hanno giurato fedeltà all’IS all’inizio del 2019 e, secondo quanto riferito, hanno avuto contatti con diverse figure di alto rango all’interno dell’organizzazione terroristica che avevano sede in Siria.

La cellula terroristica stava progettando di compiere attacchi in Tagikistan prima di scappare in Germania. Il gruppo si occupava anche di perseguire chi criticava l’Islam.

“Gli obiettivi degli attacchi erano istituzioni delle forze statunitensi in Germania o anche singole persone”, hanno detto i pubblici ministeri in una dichiarazione.

In particolare, hanno pianificato un attacco omicida contro una persona che aveva fatto commenti pubblici che vedevano come critico nei confronti dell’Islam.

I procuratori sostengono che i membri della cellula avevano acquistato materiali online con l’intenzione di produrre un ordigno esplosivo.

Il gruppo ha raccolto denaro in Germania e lo ha trasferito attraverso reti telematiche in Turchia. Si presume anche che abbia compiuto un tentativo di assassinio in Albania nell’ambito delle loro attività di raccolta fondi, con Rvasan B. e Sunatullokh K. esecutori materiali dell’attentato fallito.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento