World News

Gli attivisti di Black Lives Matter a Seattle chiedono che i bianchi rinuncino alle loro proprietà (video)

Gli attivisti di Black Lives Matter a Seattle chiedono che i bianchi rinuncino alle loro proprietà (video)

Un video pubblicato online mostra una folla Black Lives Matter a Seattle che tormenta i proprietari delle case e chiede che si trasferiscano dalle loro case per risolvere il razzismo.

Nel filmato, un attivista grida ai proprietari di una casa, rimproverando quelli all’interno, accusandoli di “vivere in un quartiere storicamente nero”.

“Ridate ai neri le loro case. Sei seduta lì comodamente – confortevole come f,k come se non avessi aiutato a rendere razzista questo quartiere”, una protestante urla con un megafono.

Un altro manifestante sostiene che i bianchi hanno acquistato terreni e case dai neri a basso prezzo e li hanno cacciati via. Indica anche che tutti in quel quartiere lavorano in Amazon.

“Lo sai? Perché se non lo fai, ora fai il re, ora fai qualcosa al riguardo”, ha continuato, con un altro attivista che gridava “Apri il tuo portafoglio!”

Tuttavia, i manifestanti non si sono fermati qui. Hanno anche accusato i proprietari della casa di aver partecipato alla “realizzazione razzista”, chiedendo che dovessero risolvere il problema.

“Dateci la vostra casa, dare ai neri indietro le loro case, siete seduti lì comodamente … Vivevo in questo quartiere e la mia famiglia è stata espulsa e tu sei seduta lassù a divertirti con gli altri amici bianchi”, ha urlato l’attivista donna BLM attraverso un megafono.

Durante il video si sentono anche le grida di “riparazioni”, “uscire il f-k” e “dacci il nostro s-t indietro”.

Per evitare una escalation di violenza, i proprietari di abitazione hanno deciso di spegnere le luci, il che ha provocato gli applausi della folla aggressiva.

I manifestanti Black Lives Matter si sono riuniti anche a Hugo, Minnesota durante il fine settimana, dove hanno minacciato di bruciare la città mentre protestavano fuori dalla casa del leader della polizia di Minneapolis Bob Kroll.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento