Politica / World News

Gli attivisti LGBT e Antifa vandalizzano la statua di Gesù Cristo a Varsavia, il premier polacco Morawiecki condanna il bigottismo

Gli attivisti LGBT e Antifa vandalizzano la statua di Gesù Cristo a Varsavia, il premier polacco Morawiecki condanna il bigottismo

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha condannato coloro che stanno dietro ad un attacco alla statua di Gesù Cristo nel centro di Varsavia da parte di attivisti LGBT e Antifa, affermando che non avrebbe più permesso tali “atti di vandalismo”.

La cancelleria del primo ministro ha pubblicato un messaggio su Twitter:
“Atti di vandalismo come quelli che abbiamo visto a Varsavia non porteranno a nulla di buono e avranno un solo obiettivo: dividere ancora di più la società. Non permetterò questo!” .

Oltre alle preghiere che chiedono perdono per le anime dei colpevoli, ha detto che anche i polacchi dovrebbero mostrare, simbolicamente, che non tollerano tali atti profani.

Il caporedattore del settimanale Do Rzeczy, Paweà Lisicki, ha sottolineato che la Polonia si trova ad affrontare un gruppo di persone completamente vuote, sradicate e private della decenza di base.

“Vorrei dire che si comportano come animali, ma insulterei gli animali. Vorrei dire che sono barbari, ma anche i barbari non hanno agito in modo così stupido e patetico. Non ci sono parole per tali azioni”, ha detto.

La statua di Cristo di fronte a una chiesa di Santa Croce a Varsavia è un simbolo della storia della Polonia che è stata vandalizzata. Immagine: la statua di Cristo che giace sulla strada parzialmente distrutta dopo la rivolta di Varsavia nel 1944.

Il professore e sacerdote Pawea Bortkiewicz ha spiegato che la statua vandalizzata di Cristo serve come un simbolo più ampio della storia della Polonia e ha messo in guardia contro una guerra crescente contro la Chiesa e la Polonia. Il professore stava indicando la storia della Polonia sotto il comunismo quando la fede cattolica e i suoi simboli nel paese sono stati distrutti.

Egli ha esortato a considerare l’atto anti-cattolico e antipolacco e ad essere accolto con una forte reazione.

“Dobbiamo porre fine a qualsiasi narrazione che molte persone stanno promuovendo, che ci dice di accettare almeno alcuni postulati di ideologia di genere.
Questo è impossibile, e possiamo vedere a cosa porta !”

Il professor Mieczys-aw Ryba ha menzionato il filosofo marxista Antonio Gramsci, che ha dichiarato che il socialismo è una negazione teorica ed è la rimozione del cristianesimo. Ha detto che non è un caso che una statua di Cristo venga vandalizzata quando ogni marxista e ogni ideologia socialista promuove attacchi contro non solo il cristianesimo, ma ogni religione.

Krystian Kratiuk, il caporedattore di Polonia Christiana, ha dichiarato che molti dicono che i polacchi stanno presumibilmente opprimendo altri, il che è completamente falso sono i polacchi ad essere vittime di attacchi simbolici.

“Siamo i poveri nativi americani metaforici che hanno vissuto nelle loro case per secoli allo stesso modo e hanno le stesse credenze. Nel frattempo, il grande denaro dell’Occidente viene utilizzato per attraversare il nostro mondo e rimuovere ciò che il cristianesimo ci ha insegnato”, ha detto.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento