Migranti / World News

Grecia: i richiedenti asilo accoltellano uomo greco sull’isola di Lesvos

Grecia: i richiedenti asilo accoltellano uomo greco sull’isola di Lesvos

Un uomo greco è ricoverato per ferite multiple all’ospedale Mytilene di Lesvos dopo aver tentato di intervenire per sedare una rissa con coltello tra richiedenti asilo.

La vittima, un passante che ha tentato di sedare una rissa tra una coppia di richiedenti asilo in Piazza Sapho, ha subito quattro pugnalate al petto durante. Fonte giornale regionale dell’Egeo settentrionale Stoi Nisi.

In seguito all’attacco, la polizia ha arrestato i due richiedenti asilo che i testimoni hanno identificato come coinvolti nell’accoltellamento.

Il primo richiedente asilo, un iracheno di 35 anni, è stato accusato di tentato omicidio e violazioni della legge sulla detenzione di armi. L’altro richiedente asilo, un afgano di 23 anni, è stato preso in custodia della polizia e accusato di tentato omicidio premeditato, secondo un rapporto del Greek City Times.

Grazie alla migrazione di massa, aggressioni mortali sono diventati comuni sulla pittoresca isola di Lesvos.
Proprio il mese scorso due aggressioni con l’uso di coltello hanno avuto luogo in meno di 24.

Mentre un afgano di 22 anni è stato salvato dopo essere stato ricoverato in ospedale per essere stato accoltellato da altri afgani, un’altra donna afghana di 23 anni è morta dopo essere stata pugnalata ripetutamente da una donna afghana della stessa età.

Finora quest’anno, gli attacchi con i coltelli hanno causato la morte di almeno cinque migranti e hanno portato al ricovero in ospedale di altri dieci persone.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento