Migranti / World News

Grecia: migrante musulmano lancia sassi attraverso la finestra della Cattedrale e rompe il portale d’ingresso con un martello

Grecia: migrante musulmano lancia sassi attraverso la finestra della Cattedrale e rompe il portale d’ingresso con un martello

Questo genere di cose sta accadendo non solo in Grecia: “Vandalismo e furto nelle chiese di tutta la Francia sono diventati comuni, con un rapporto che afferma che il paese vede ben tre attacchi ai siti cristiani ogni giorno, compresa la profanazione dei cimiteri”.

Il migrante musulmano che ha vandalizzato la Chiesa metropolitana di Agios Minas è algerino. L’Islam è la religione di stato in Algeria. Il governo algerino si rivolta contro le chiese. Questo perché “il governo considera il cristianesimo come un pericolo per l’identità islamica algerina e sta facendo ogni tentativo di regolamentare la chiesa in non esistenza”.

Dato il trattamento dei cristiani in molti paesi musulmani, non dovrebbe sorprendere quando un comportamento odioso che è comune in quegli stati viene trasportato dai migranti nei paesi occidentali, con la complicità e la tolleranza degli intollerabili occidentali globalisti.

La polizia greca ha arrestato un migrante algerino di 38 anni per aver causato danni a una cattedrale due volte in meno di una settimana.

Il migrante ha attaccato la Chiesa Metropolitana di Agios Minas, una cattedrale di Heraklion, la più grande città dell’isola di Creta, domenica. Ha lanciato pietre e danneggiato le vetrate della cattedrale, oltre a danneggiare una vetrina di una libreria dell’Arcidiocesi di Creta.

Il migrante è poi tornato alla cattedrale martedì mattina armato di martello e ha iniziato a rompere una porta. Fonte: Proto Thema.
La polizia ha esaminato i filmati e ha potuto identificare il cittadino algerino e metterlo in custodia.

L’incidente è solo l’ultimo atto di vandalismo diretto a una chiesa o cappella in Grecia da un migrante. Il mese scorso una coppia di migranti è stata arrestata sull’isola di Chios per aver saccheggiato una cappella cristiana ortodossa del denaro e di vari oggetti sacri.

Appena un mese prima, la polizia della città di Salonicco ha arrestato un migrante di 36 anni dal Kazakistan che è sospettato di aver rubato beni da diverse chiese della zona per un valore di ben 50.000 dollari (46.000 dollari / 56.000 dollari).

La Grecia non è l’unico paese in Europa a vedere tali attacchi anti-cristiani contro le chiese e altri luoghi di culto.
Vandalismo e furto nelle chiese di tutta la Francia sono diventati comuni, con un rapporto che afferma che il paese vede fino a tre attacchi ai siti cristiani ogni giorno, tra cui la profanazione di cimiteri….

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento