World News

Grecia: migranti afghani incarcerati per sommossa al centro di detenzione

Grecia: migranti afghani incarcerati per sommossa al centro di detenzione

THESSALONIKI, Grecia (AP) – Due uomini afghani sono stati incarcerati per sei anni e nove mesi ciascuno dopo essere stati condannati per aver partecipato ai disordini di questa settimana in un centro di detenzione per migranti vicino al confine con la Turchia, dove ci sono circa 150 “minori non accompagnati”.

I due uomini, di 22 e 23 anni, sono stati giudicati colpevoli da un tribunale giovedì per aver causato gravi danni alla proprietà, aggressioni e partecipazione a una violenta rivolta e sono stati multati ciascuno di 1.375 euro. Entrambi gli uomini hanno detto alla corte che non erano stati coinvolti nella violenza.

Ventisei minori, tutti dall’Afghanistan, sono stati arrestati in seguito alle rivolte nel centro di detenzione dove i manifestanti hanno lanciato elettrodomestici da cucina alla polizia, hanno causato ingenti danni alle proprietà e hanno dato fuoco alle strutture.

I “minori” saranno processati separatamente in un secondo momento.

Nonostante le ripetute denunce dei gruppi per i diritti umani, la Grecia continua a trattenere molti “minori non accompagnati”.
Il governo afferma che sta cercando di aumentare gli sforzi per trasferire i “minori” in altri paesi dell’Unione europea. Attualmente nel luogo di detenzione sono detenuti circa 250 migranti.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento