Islam / Migranti / World News

Hai un berretto dei Democratici svedesi? Devi morire!

Hai un berretto dei Democratici svedesi? Devi morire!

I crimini che “arricchiscono la cultura” descritti nell’articolo qui sotto sono particolarmente raccapriccianti.

Il caso ha un Coefficiente Maometto del 100%.

“È un razzista, ha un berretto SD”: l’esperienza di Mohamad prima di uccidere Tommie Lindh

[Didascalia della foto: Abubaker Mohamad Awad che ride e fa smorfie davanti alla telecamera della polizia quando è stato arrestato dopo lo stupro e l’omicidio. A destra: scaffale nel salotto di Tommie Lindh.]

Abubaker Mohamad Awad ha accusato Tommie Lindh di essere un razzista, perché aveva un berretto SD [Svezia Democratici] nel suo appartamento. Ha poi accoltellato il 19enne e violentato la fidanzata della vittima mentre Tommie è morente.

L’ampia indagine condotta dalla polizia dopo l’omicidio di Tommie Lindh, il 10 maggio di quest’anno, è stata ora rilasciata.

Sembra che l’imputato, Abubaker Mohamad Awad, poco prima dell’omicidio, avesse reagito al fatto che Lindh aveva un berretto SD nel suo appartamento dove era in corso una festa.

L’imputata 23enne era entrata nella stanza dove la fidanzata di Tommie Lindh dormiva in diverse occasioni, anche se lei gli aveva chiesto di lasciarla in pace.

L’africano alla fine ha chiesto che la ragazza spiegasse perché Tommie Lindh aveva un berretto SD sullo scaffale della sala.

“E poi ho spiegato ad Abubaker che Tommie era molto coinvolto nella politica e ho pensato che fosse interessante. Poi ha chiamato Tommie un razzista e così via”, ha detto la donna durante l’interrogatorio.

L’africano ha poi iniziato ad accusare la donna di essere razzista, e quando ha detto che non lo era, ha spiegato che non poteva fidarsi di lei.

“Poi è diventato ancora più arrabbiato. Ha detto di nuovo che se non mi fossi alzata, avrebbe ucciso me e Tommie”, ha detto la vittima dello stupro.

L’africano teneva un coltello alla gola della donna, e all’interno del bagno l’ha forzata a fare sesso orale.

Poi un altro uomo svedese, che la donna aveva allertato in precedenza, è entrato nell’appartamento.
È stato immediatamente accusato di essere un razzista dallo stupratore, ed è stato accoltellato quando ha cercato di forzare l’africano a lasciare la residenza.

Tommie Lindh e la vittima di stupro erano chiusi in bagno, il 23enne africano è tornato e ha pugnalato Tommie al collo, alla schiena e al petto.

Mentre Tommie Lindh giaceva sanguinante, l’africano ha trascinato la ragazza con lui in camera da letto, dove l’ha stuprata.

“C’era sangue sul letto; era di Tommie “, ha detto la donna durante l’interrogatorio.

La donna aveva in precedenza chiamato diverse volte la polizia ma solo dopo un’ora e mezza, quando era già troppo tardi, una pattuglia della polizia “d’emergenza” è arrivata sulla scena.

Dopo che Abubaker Mohamad Awad è stato arrestato per il crimine, ha ridacchiato davanti alla telecamera all’arresto, ha fatto smorfie e segni di vittoria con le dita.

Durante l’interrogatorio, ha affermato che era stato il “fratello” della donna che l’aveva costretta a dire che era stata violentata.

“Suo fratello, che è razzista, vuole denunciarlo come stupro. Altrimenti sarebbe una vergogna per lei e suo fratello che sia andata a letto con un ragazzo dalla pelle scura”, ha detto l’africano.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento